REDAZIONE@AOSTANEWS24.IT

Categoria: Giustizia

Condanna in primo grado per uno stalker residente in Valle d’Aosta

Un uomo residente in Valle d’Aosta, di 40 anni, è stato condannato a due anni di carcere per stalking dal tribunale di Aosta. Il condanna in primo grado è arrivata dopo un processo con rito abbreviato. Il quarantenne era stato arrestato lo scorso febbraio ad Aosta. Le indagini hanno poi fatto emergere un

Operaio schiacciato in un cantiere a Chambave, inchiesta chiusa con 4 indagati

Quattro indagati per omicidio colposo, così il pm Francesco Pizzato ha chiuso le indagini preliminari sulla morte sul lavoro di Salvatore Esposito, operaio di 61 anni di Nus, schiacciato da una rampa di un rimorchio di un camion. L’incidente era avvenuto in un cantiere in loc. Arlier, a Chambave, il 3 marzo del

Bando Mutui, arriva l’ordinanza del tribunale che farà discutere: 5 anni di residenza per il mutuo agevolato sono una “discriminazione”

Una sentenza che farà discutere, oltre all’evidenza – oramai assodata – che nelle aule di tribunale si fanno e si disfano leggi in assoluta libertà, come se questi avessero una piena potestà legislativa. Il tribunale di Torino, nella prima sezione civile, ha accolto il ricorso presentato nel 2022 dall’ASGI (associazione per gli studi

Geenna, la cassazione annulla (e rinvia) la confisca dei beni di Antonio Raso

La Corte di Cassazione ha annullato il decreto di confisca dei beni di Antonio Raso, notificatogli nell’aprile 2021. L’imputato nel processo Geenna, che riguarda la presenza dell’ndrangheta in Valle d’Aosta, vede così rimandare il giudizio alla Corte d’Appello di Torino. Era stata la sezione misure di prevenzione del Tribunale Ordinario di Torino a

Valanga in Val di Rhêmes, la procura di Aosta apre un’indagine

La procura di Aosta ha aperto un fascicolo per approfondire la dinamica della tragedia avvenuta nell’alta Val di Rhêmes, dove tre aspiranti guide alpine – Lorenzo Holzknecht, Elia Meta e Sandro Dublanc – hanno perso la vita travolti da una valanga avvenuta sul colle di Tsanteleina. Al momento della slavina era presente anche

‘Ndragheta, anche la Valle d’Aosta nella lente della relazione DIA sulla criminalità organizzata

E’ stata pubblicata sul sito istituzionale della DIA – Direzione Investigativa Antimafia – la consueta relazione semestrale che viene fornita al Parlamento italiano relativo al fenomeno mafioso in Italia. L’ultima versione – 453 pagine relative ai primi sei mesi del 2022 – contiene anche numerosi passaggi sull’esistenza della ‘Ndragheta in Valle d’Aosta, testimoniati

Giustizia, processo Geenna: scarcerati Raso, Prettico, Giachino e Carcea

E’ stata disposta dalla Corte d’appello di Torino la scarcerazione per i quattro imputati del processo ‘Geenna’, che riguarda la presunta esistenza di una locale di ‘Ndrangheta in Valle d’Aosta. A beneficiare della scarcerazione – dopo quattro anni di reclusione – il noto ristoratore di Aosta Antonio Raso, l’ex consigliere comunale del capoluogo

Ordine degli avvocati, eletto il nuovo consiglio direttivo

Rinnovate le cariche direttive dell’Ordine degli avvocati di Aosta. In seguito alle votazioni del 26 e 27 gennaio scorso, il nuovo consiglio dell’Ordine è composto dagli avvocati Fabrizio Callà, Alessandra Fanizzi, Orazio Giuffrida, Donatella Locatelli, Manuela Massai, Andrea Moro e Maria Paola Roullet.  Ad assumere in seguito la carica di Presidente dell’Ordine è

Bilancio sociale 2022. Procura: giù i reati informatici, su i furti

Un lungo e articolato riassunto del lavoro svolto dalla procura di Aosta nel 2022, è stato illustrato – lunedì 30 gennaio – nel bilancio sociale 2022 dal sostituto procuratore dott. Manlio D’Ambrosi.  Un 2022 in chiaroscuro per la procura per quanto concerne i dati sui reati: ben 457 segnalazioni in più provenienti dalla

INNOCENTE

La Corte di Cassazione ha emesso le sentenze per i 5 imputati – sottoposti a rito ordinario – nel processo di ‘Geenna’. La V sezione penale ha confermato l’assoluzione in formula piena emessa in secondo grado per Marco Sorbara. Per l’ex consigliere regionale l’imputazione era di concorso esterno in associazione mafiosa, condannato in