REDAZIONE@AOSTANEWS24.IT

Montagna senza barriere: tre persone con disabilità raggiungeranno i 4.000m del Breithorn

di Redazione

di Redazione

Esperienze ad alta quota inclusive, per una montagna senza barriere: prenderà il via questa settimana il progetto ‘Alpinisti InSuperAbili… adrenalina inclusiva’, nato dall’idea della guida alpina Roberto Ferraro e del formatore FISIP Daniele Boero, entrambi uomini del soccorso piste nel comprensorio di Cervino Ski Paradise. 

I due ideatori, con la collaborazione dei professionisti che operano in montagna, hanno deciso di accompagnare tre persone con disabilità ai 4.165 metri del Breithorn Occidentale, utilizzando il ‘dual ski’, uno speciale presidio costituito da una seduta in resina o carbonio montata su un meccanismo basculante che a sua volta viene agganciato agli attacchi degli sci. Un ausilio tecnologico che permette anche alle persone con disabilità motoria di sciare sulle piste battute o di avventurarsi in emozionanti gite sulla neve.

A vivere per prima questa entusiasmante esperienza sarà Chiara Benevenuta, medico di Torino. La prima salita al Breithorn – inizialmente prevista per domani martedì 25 giugno – è stata annullata a causa della persistenza dell’instabilità meteo. Il recupero della data, che prevedeva la salita in vetta di Chiara, è in fase di programmazione.

Il 12 luglio toccherà invece al valdostano Egidio Marchese, presidente della Disval, mentre il 27 luglio sarà la volta di una terza persona, che a breve verrà scelta. Il programma prevede la salita con gli impianti di risalita fino al Piccolo Cervino; da lì partirà l’ascesa in cordata della squadra formata da esperti di alta montagna addetti al traino, con il supporto di altri professionisti dedicati invece alla sicurezza.

Coinvolti anche i bambini della scuola primaria di Valtournenche, che in una settimana hanno studiato e proposto il nome del progetto, diventato appunto ‘Alpinisti InSuperAbili… adrenalina inclusiva’. 

Per Chantal Vuillermoz, Assessore turismo, sport e montagna del Comune di Valtournenche, “questo progetto, ideato da Daniele e Roberto per sensibilizzare la popolazione e offrire la possibilità a tutti di realizzare certi sogni, è davvero bello e interessante perché è capace di unire la montagna e la disabilità. Abbiamo quindi deciso di supportare questa iniziativa che coinvolge il nostro territorio e, soprattutto, i bambini della scuola primaria: le azioni di sensibilizzazione sono importanti”.

Gli ideatori del progetto, Roberto Ferraro e Daniele Boero, hanno raccontato: “alcune motivazioni personali ci hanno spinto a realizzare questo progetto, accolto con grande interesse da parte di chi vive quotidianamente la montagna. Tutto è nato in autunno, durante le nostre giornate in pista e dopo la condivisione di alcune esperienze lavorative. Abbiamo appena effettuato un sopralluogo: il Breithorn si presenta in ottime condizioni, anche se in cima non c’è ancora una bella traccia; questo potrebbe portarci a scegliere il monosci anziché il dual ski”. 

Tra gli accompagnatori ci sarà anche Luca Cavoretto, responsabile 118: “sono contento di essere stato coinvolto in questa iniziativa, ci saremo anche noi tra gli accompagnatori. Per questo devo ringraziare l’azienda USL e tutti i medici che hanno dato la disponibilità a coprire i turni e a partecipare alle gite. Ogni persona può affrontare un Quattromila, in fondo i problemi di freddo e meteo sono gli stessi”. 

Francesco Rao, maestri di sci Valle d’Aosta, ha dichiarato: “continuiamo a lavorare affinché la Valle d’Aosta diventi una regione inclusiva. I maestri di sci e le guide alpine si stanno attrezzando per permettere a tutti di praticare le medesime attività. La disabilità non deve essere uno ostacolo”. 

Infine, per l’Assessore regionale allo Sport Giulio Grosjacques, “si tratta di un altro bel progetto verso una Valle d’Aosta inclusiva. Si aggiunge a ‘Lo sci per tutte le abilità’ che è stato presentato lo scorso anno a Skipass di Modena e ha riscontrato grande interesse a livello nazionale. ‘Alpinisti InSuperAbili’ è all’edizione 0, ma come amministrazione siamo pronti a sostenerlo. Il supporto di maestri di sci, guide alpine, 118 e di altri componenti è fondamentale”. 

Il progetto è realizzato in collaborazione con l’amministrazione comunale di Valtournenche, Cervino Spa, scuola elementare di Valtournenche, azienda USL, Fondazione Pro Montagna, Unione Valdostana Guide Alta Montagna (UVGAM) e Associazione Valdostana Maestri Sci.