Skip to main content

Politica e Istituzioni

Rete infrastrutturale per le ricariche di auto elettriche - Cognetta "Rete Civica o è andata in confusione o ci prende in giro"

- 0 Comments

"I colleghi di Rete Civica o sono andati in confusione o ci prendono in giro" così il Consigliere del gruppo Mouv' Roberto Cognetta a seguito delle considerazioni espresse dal movimento di Minelli e Bertin sul Documento di economia e finanza regionale 2020-2022, con particolare riguardo alla rete infrastrutturale per le ricariche di auto elettriche.

"Proprio una settimana fa - dice Cognetta - mentre il Consiglio regionale discuteva la legge sui contributi per incentivare la mobilità elettrica, avevo presentato, con gli altri gruppi di opposizione, un ordine del giorno che chiedeva al Governo di individuare nella prossima finanziaria regionale le risorse per potenziare le colonnine di ricarica presenti sul territorio e trasformarle da corrente alternata a corrente continua per sopperire ai problemi dovuti alle basse temperature della Valle d'Aosta".

"La nostra proposta era chiara, ma l'ordine del giorno è stato respinto grazie anche al voto dei Consiglieri di Rete Civica, gli stessi che oggi giudicano inadeguate le risorse messe in campo nel prossimo triennio per realizzare le stazioni di ricarica veloce. Siamo stufi di questi atteggiamenti - conclude Cognetta - dire una cosa che piace ai propri elettori, e poi fare l'esatto contrario è una regola di una politica vecchia che ha il solo scopo di durare il più a lungo possibile. Ma è scorretto nei confronti del Consiglio regionale e dell'opinione pubblica".