REDAZIONE@AOSTANEWS24.IT

Consiglio Valle, Lavevaz dimissionario: “spero in momenti migliori per la politica valdostana”

di Redazione

di Redazione

Si è tenuta questa mattina una breve riunione del Consiglio Valle, convocato per prendere atto delle dimissioni di Erik Lavevaz da Presidente della Regione. Protagonista indiscusso proprio Lavevaz, che ha tenuto un breve discorso a cui è seguito lo spazio dedicato alle dichiarazioni dei vari esponenti politici presenti in Consiglio regionale.

Lavevaz ha prima ringraziato l’UV, gli alleati e la macchina amministrativa per il lavoro fatto, per poi passare ad una valutazione personale del proprio operato: “ho cercato, con i miei mezzi e le mie capacità, di tenere fuori dal Consiglio regionale il dibattito politico sulle prospettive future della maggioranza regionale, con l’obiettivo di non ostacolare o addirittura rallentare l’azione amministrativa della giunta e del Consiglio regionale. Ho cercato di gestire separatamente le due prospettive parallele, per evitare che le naturali e normali frizioni della dialettica politica si potessero ripercuotere sullo svolgimento del lavoro dell’amministrazione regionale, ma anche per dare la giusta centralità ai movimenti politici, soprattutto nei delicati momenti di analisi e costruzione di un’eventuale maggioranza che possa governare la nostra Regione”.

Spazio poi alle valutazioni sul momento politico: “mi sono impegnato, al meglio delle mie capacità e consapevole dei miei limiti, a trovare una soluzione alla crisi secondo le linee delle forze politiche – dice Lavevaz. Le distanze da questa prospettiva all’interno dei gruppi del Consiglio sono diventate evidenti e ne ho preso atto. Allo stesso tempo, mi sono reso conto dell’impossibilità di portare a termine il mandato conferitomi dai movimenti”.

Il Presidente dimissionario ha sottolineato ancora l’importanza di una riforma della legge che dia stabilità alla politica e sottragga le maggioranze agli umori dei singoli. Infine, Lavevaz – evidentemente amareggiato – ha chiosato: “spero in tempi migliori per la politica valdostana”.