REDAZIONE@AOSTANEWS24.IT

Cantiere ospedale, costi aumentano e tempi incerti: all’attacco il Centrodestra Unito

di Redazione

di Redazione

Il Centrodestra Unito torna a cannoggiare sul progetto di ampliamento dell’ospedale Parini di Aosta. Secondo la coalizione, infatti, nell’ultima della V Commissione – competente in materia di sanità – sono emerse delle novità negative sul futuro della struttura.

La prima – dice la coalizione della destra – è “che il costo preventivato dell’opera (solo il nuovo corpo) passa da circa 189 milioni a quasi 202 milioni di euro (…)”. La seconda è “che il tempo complessivo per tutte le fasi necessarie, gare d’appalto e realizzazione dell’opera, salvo ritardi ed imprevisti, sarà di quasi cinque anni (…)“.

La prospettiva di 5 anni di lavori avrebbe smentito le previsioni dalla stessa SIV che dichiarava un tempo stimato di tre anni per l’esecuzione dei lavori.

Il Centrodestra attacca duramente il Governo regionale sulla prospettiva dei lavori in una zona centrale della città: “in questi giorni abbiamo potuto verificare come opere di piccola entità, realizzate nella zona attualmente occupata dall’ospedale di Aosta, siano in grado di paralizzare la circolazione, mettendo in crisi l’intera viabilità cittadina. Possiamo quindi facilmente immaginare cosa accadrà quando (…) ci saranno prima il cantiere relativo alla costruzione del nuovo imponente corpo dell’ospedale e successivamente il cantiere relativo al vecchio Parini. La circolazione della città sarà perennemente in crisi, con code e gravi e prolungati disagi per tutta la popolazione ed i turisti. Senza dimenticare i fattori negativi derivanti dall’inquinamento che le file di auto, di veicoli commerciali e di autobus sostitutivi della ferrovia genereranno per lunghi anni”.