REDAZIONE@AOSTANEWS24.IT

Fiera di Sant’Orso, l’École Hôtelière di Châtillon protagonista tra le eccellenze valdostane

di Redazione

di Redazione

Ci sarà anche l’École Hôtelière de la Vallée d’Aoste tra le eccellenze valdostane protagoniste dell’edizione 2023 della Fiera di Sant’Orso, grazie alla collaborazione con l’Assessorato allo sviluppo economico, formazione e lavoro della Regione. 

Una realtà, quella dell’alberghiero di Châtillon, che è espressione della migliore professionalità turistica locale divulgata e tramandata attraverso una formazione di altissima qualità. 

Lo stand enogastronomico sarà allestito in Piazza Plouves ad Aosta e sarà aperto da sabato 28 a martedì 31 gennaio, ospitando un punto informativo e una serie di eventi per conoscere, toccare con mano, ma soprattutto ‘gustare’ il valore dell’esperienza degli studenti.

Allievi ed ex allievi, accompagnati dagli insegnanti, saranno i protagonisti di presentazioni e degustazioni che animeranno lo stand nei quattro giorni di fiera. Tra questi Alice Borettaz, diplomata alla scuola, che ha deciso di ridare vita ad un antico prodotto tipico valdostano: la Piata di Issogne. Domenica 29 gennaio alle ore 16:30, insieme al professore di cucina Mathieu Villani e a sei studenti del percorso IeFP, presenterà le famose ‘piate’, prodotto artigianale della tradizione valdostana, una tradizione che la scuola tutela promuovendo l’utilizzo di materie prime locali, grazie anche alla collaborazione di Coldiretti VdA.

Lunedì 30 gennaio, sempre alle 16:30, spazio ai cocktail, con la presentazione di ‘Negroni’, a cura del professore di sala Viktor Vicquery e della studentessa del quinto anno Fabiola Pardini, un originalissimo ‘sushi’ tutto da bere. 

L’École ha pensato a tutti, anche ai più piccoli e per la Veillà di Petchou, in programma dalle 14:00 alle 18:00, sfornerà crostate, tortine paradiso, biscotti a forma di orsetto e decorati, tortini capresi e anche ciambelle di farina di riso adatte a celiaci e intolleranti al lattosio, accompagnate da tisane calde.