REDAZIONE@AOSTANEWS24.IT

Consiglio Valle nel segno dell’alluvione. Intanto RV ottiene una nomina

di Redazione

di Redazione

Sono iniziati i lavori del Consiglio Valle questa mattina, 10 luglio. Diversi i punti all’ordine del giorno affrontati.

Fra i passaggi più rilevanti da citare, la ratifica definitiva – confermata dal Presidente del Consiglio regionale, Alberto Bertin – dell’adesione al gruppo dell’Union Valdôtaine dei quattro Consiglieri regionali autonomisti Luigi Bertschy, Luciano Caveri, Albert Chatrian e Corrado Jordan.

Ampia discussione, poi, sulla situazione dell’emergenza post alluvionale. Aula concorde nel ringraziare i soccorritori, ma soprattutto nel ribadire che la priorità rimane il ripristino delle infrastrutture essenziali dei paesi colpiti. Ricollengandosi all’ipotesi dell’arrivo del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in occasione dell’inaugurazione del nuovo ateneo dell’Università della Valle d’Aosta, il Vicecapogruppo della Lega Erik Lavy ha proposto che il Capo dello Stato faccia visita alla località di Cogne, ancora scollegata dal fondo valle dopo l’alluvione.

Infine, da segnalare è il voto sulla surroga della dimissionaria Alessia Prochilo (Noi Moderati) dalla Consulta regionale sulle pari opportunità: con 20 voti su 35 è stata eletta (in attesa di conferma) Laura Menzio, in quota Rassemblement Valdôtain. Pertanto, tiene in aula l’accordo fra la maggioranza e RV, che porta a casa una rappresentante.

Si fermano invece a 9 le preferenze per Flavia Varetti, che incassa i voti della Lega e Forza Italia. Chiara Giordano invece ottiene i due voti del gruppo di PCP.