Skip to main content

Economia e Lavoro

Zona rossa - Dominidiato "Pronti a scendere in piazza, chiediamo risposte alla politica"

- 0 Comments

“Per rispetto delle categorie che rappresentiamo siamo piuttosto preoccupati da questa situazione e dalle prospettive che vede la nostra in zona rossa o arancione presumibilmente fino al 30/04. Più volte abbiamo fatto domande ben specifiche circa i dettagli dei contagiati senza ricevere mai alcun riscontro” così Graziano Dominidiato Presidente Confcommercio – Fipe VdA in merito all'ingresso della nostra regione in zona rossa.

“Siamo pronti a scendere in Piazza per chiedere pubblicamente ai decisori politici che ci forniscano i dati richiesti – prosegue Dominidiato – è un rispetto che dobbiamo alle categorie che rappresentiamo e per le quali ogni giorno ci battiamo. È ormai da troppo tempo che ingiustificatamente le imprese del commercio, dei pubblici esercizi e del turismo vengono viste come il mezzo di diffusione di questo virus. Necessitiamo di avere dati specifici riferiti al contagio. È indispensabile capire chi sono realmente i positivi e da quali aree della nostra Regione provengono. Sono persone ospedalizzate? Pensionati? Operatori sanitari? Studenti? Lavoratori/imprenditori e soprattutto di quali categorie? Di quale età?".

E conclude “Facciamo chiarezza oltre alla trasparenza e rispetto che chiediamo a gran voce per tutto il mondo imprenditoriale che da troppo tempo è costretto a vivere in balia degli eventi. Ottenere delle risposte è utile per tutti. Si chiudono i ristoranti e le attività imprenditoriali causando difficoltà a migliaia di lavoratori, imprese e famiglie. Siamo a serio rischio di crollo economico e sociale su tutti i fronti. È giunto il momento delle risposte".

 

Ci chiediamo in tal senso dove siano finiti PD e i consiglieri di Progetto Civico Progressista, gli stessi che in campagna elettorale sistracciavano le vesti per la legalità, invocando uncambio di rotta, massima trasparenza e lotta al clientelismoe alla criminalità organizzata.Il silenzio, quando c'è la mafia di mezzo, non è maiuna cosa buona.