Skip to main content

Economia e Lavoro

Zona Rossa, domani mattina centri estetici e parrucchieri protesteranno fuori dai loro negozi

- 0 Comments

Domani, Mercoledì 21 aprile 2021, dalle ore 10 alle 12, i titolari delle imprese di estetica e acconciatura daranno vita a una manifestazione contro la chiusura delle loro attività in Area rossa. Le modalità saranno distinte fra il capoluogo regionale e il territorio. Ad Aosta, i titolari si recheranno nei loro centri/saloni e rimarranno all’esterno, in segno di protesta.

Il locale sarà chiuso e l’accesso sarà assolutamente vietato, come anche gli assembramenti. Sulle vetrine saranno apposti cartelli a sostegno della richiesta di apertura in sicurezza anche in Area rossa. Durante la manifestazione, gli aderenti alla protesta realizzeranno fotografie e brevi filmati, con i quali ribadire le loro rivendicazioni. Nel resto della Valle d’Aosta, i titolari non stazioneranno all’esterno dei loro esercizi ma si limiteranno alla realizzazione dei video e delle fotografie.

Le testimonianze raccolte saranno poi diffuse tramite i social network. Lo scopo dell’iniziativa è sensibilizzare l’opinione pubblica e la politica sugli effetti negativi della chiusura dei centri estetici e degli acconciatori in Area rossa. I risultati economici, per un settore formato prevalentemente da imprenditrici e lavoratrici, sono disastrosi.

E sono aggravati dal dilagare del lavoro nero e degli abusivi che, approfittando delle chiusure, continuano i loro affari illeciti ed entrano nelle case dei clienti senza alcuna misura di sicurezza, con il rischio di favorire la diffusione del virus e rendendo impossibile il tracciamento dei contagi.

La richiesta di riapertura è sostenuta anche dalle oltre 50mila firme raccolte dalla petizione nazionale on line lanciata da Cna, Confartigianato e Casartigiani, che è già stata consegnata al ministro Mariastella Gelmini. L’elenco delle imprese aostane aderenti è allegato al comunicato.