REDAZIONE@AOSTANEWS24.IT

#VDAlavora: anche per il 2024 previste misure a sostegno delle persone con disabilità

di Redazione

di Redazione

Sono state rifinanziate due misure a sostegno delle persone con disabilità: il voucher di conciliazione e gli incentivi alle assunzioni per sostenere e favorire l’inserimento lavorativo di persone con disabilità. Lo comunica l’Assessorato dello Sviluppo economico, Formazione e Lavoro.

Con il Voucher di conciliazione è possibile richiedere un contributo per la fruizione di servizi di conciliazione, nel periodo estivo, da parte delle famiglie con a carico figli con disabilità ai sensi della l. 104/92, di età compresa tra i 3 e i 21 anni.

È possibile richiedere il voucher per i servizi di conciliazione come centri estivi o servizi analoghi, che garantiscono l’assistenza delle persone con disabilità da parte di personale qualificato nel periodo compreso tra il 7 giugno 2023 e il 10 settembre 2024. Il voucher, può essere richiesto fino al 29 settembre 2024 e sarà erogato a copertura delle spese sostenute fino a un importo massimo di 2.000 euro.

I voucher, a scelta del beneficiario, potranno essere erogati a titolo di acconto nella misura del 70 per cento sulla base del preventivo di spesa del servizio presentato o a conclusione della fruizione del servizio.

L’Assessore Luigi Bertschy ricorda come “dal 2021, anno in cui è stato inserito in via sperimentale il voucher per la conciliazione del tempo lavoro e famiglia per lavoratrici e lavoratori con figli con disabilità, ad oggi lo strumento si è sempre più adeguato alle esigenze dei beneficiari ed è stato apprezzato e utilizzato durante le scorse edizioni”. 

Tutte le informazioni per i voucher di conciliazione sono reperibili al seguente link.

Inoltre, è stata rifinanziata la misura relativa agli incentivi alle assunzioni per sostenere l’inserimento lavorativo di persone con disabilità, iscritte negli elenchi del collocamento mirato (ai sensi dell’articolo 8 della l. 68/1999).

Il contributo è rivolto alle imprese, agli enti pubblici economici e alle società partecipate da enti pubblici con sede legale o operativa sul territorio regionale che, se soggetti agli obblighi previsti dalla legge 68/1999, hanno coperto la quota di riserva del personale con disabilità ed è volto a incentivare le assunzioni sia a tempo determinato (di durata pari ad almeno 6 mesi) che indeterminato, nonché le trasformazioni da tempo determinato a tempo indeterminato, nel periodo compreso tra il 1 novembre 2023 e il 14 novembre 2025.

L’incentivo, richiedibile per un periodo massimo di 24 mesi, è pari a 10 mila euro annui per le assunzioni a tempo pieno e indeterminato e a 12 mila euro annui per persone appartenenti a specifiche categorie protette. Il contributo è riproporzionato per le assunzioni a tempo parziale e per le assunzioni a tempo determinato rispetto alla durata del contratto.

Per gli incentivi alle imprese per l’inserimento di persone con disabilità nel mercato del lavoro è necessario consultare il Portale Imprese al seguente link.