Skip to main content

Salute e Ambiente

Usl - Individuata la prima struttura disponibile a ospitare i pazienti Covid

- 0 Comments

Individuato la prima struttura alberghiera che diventerà temporaneamente un 'Covid Hotel'. Si tratta dell'Hotel Mignon di Aosta, che ha dato la propria disponibilità. Questo è quanto fa sapere l’Azienda Usl valdostana, che aggiunge come sia già in corso il trasferimento sei persone positive, ovvero le quattro ragazze minorenni e i due uomini under trenta di nazionalità spagnola che nei giorni scorsi hanno trascorso l'isolamento in un albergo di Cervinia.

Al momento i sei sarebbero in buone condizioni cliniche, il che ne consentirebbe lo spostamento. A questi, si aggiungeranno nel pomeriggio, due contatti stretti risultati negativi al tampone molecolare. Gli ospiti 'covid positivi' saranno poi tenuti sotto sorveglianza sanitaria da parte delle USCA e in quarantena.

Oltre alle persone già menzionate, potranno poi essere inviati alla struttura, in via prioritaria, turisti che risultino positivi al tampone, in attesa della negatività e della possibilità di rientro presso le residenze di origine.

L’accordo è stato raggiunto grazie alla disponibilità del gestore dell’Hotel Mignon – spiega il direttore generale dell’Usl, Marco Ottonello a cui è seguita, in questi giorni, una fattiva collaborazione con l’ADAVA, che ha fornito un prezioso contributo sul piano delle interlocuzioni preventive volte ad individuare una seconda struttura, di cui stiamo verificando le caratteristiche, che devono rispondere ad esigenze e necessità specifiche. Da questo punto di vista intendo sottolineare il lavoro importante e difficile condotto dallo staff che si è occupato, tra le altre cose, della questione “Covid Hotel”.

Inoltre, la direttrice dei Distretti socio-sanitari 1-2, Francesca Faelli ha detto: Tra le situazioni che hanno richiesto attenzione c’è la sorveglianza, non solo di carattere sanitario, delle persone ospitate (che sono minorenni) e l’assoluto isolamento rispetto ad altre persone ospiti dell’albergo, ma anche il trasferimento con i mezzi del 118, le procedure di sanificazione dei locali e delle stanze, comprese le pulizie (perché le cameriere non devono in alcun modo entrare in contatto con i soggetti positivi), lo smaltimento dei rifiuti, l’impiego di stoviglie e biancheria smaltibili con procedura speciale, la sanificazione del bagaglio al momento del check-out, che deve essere effettuato in condizioni particolari, ed altri adempimenti dettati dalle procedure, dai regolamenti e da esigenze puntuali per garantire la massima sicurezza per gli ospiti e per il personale dell’albergo”.