Skip to main content

Economia e Lavoro

Per una Pasqua solidale Coldiretti distribuisce 50 pacchi con prodotti made in Italy a famiglie povere

- 0 Comments

Cinquanta nuclei familiari valdostani in difficoltà economica a causa della pandemia per la settimana di Pasqua e Pasquetta potranno mettere in tavola i migliori prodotti agroalimentari Made in Italy e passare delle feste più serene grazie all’operazione solidale promossa in tutta Italia da Coldiretti, Filiera Italia e Campagna Amica con la partecipazione delle più rilevanti realtà economiche e sociali del Paese.

Ogni famiglia individuata riceverà un pacco di oltre 50 chili con prodotti 100% Made in Italy contenenti, ad esempio, pasta e riso, Parmigiano Reggiano e Grana Padano, biscotti, sughi, salsa di pomodoro, tonno sott’olio, dolci e colombe pasquali, stinchi, cotechini e prosciutti, carne, latte, panna da cucina, zucchero, olio extra vergine di oliva, legumi e formaggi fra caciotte e pecorino.

I nuclei familiari in stato di bisogno sono individuati da Coldiretti/Campagna Amica d’intesa con il Coordinamento Solidarietà Valle d’Aosta, la rete degli enti caritatevoli che lavorano per il contrasto alla povertà in Valle d’Aosta ed alcune parrocchie valdostane.

La prima consegna è avvenuta nella mattinata di oggi, mercoledì 31 marzo, presso la Caritas interparrocchiale della Valdigne. I primi 24 pacchi sono stati consegnati alla  Cappella di San Giuseppe sede degli alpini a Morgex dal  Presidente della Coldiretti Valle d’Aosta Alessio Nicoletta. Nel pomeriggio sono previste altre consegne alla parrocchia di Sant’Orso e al CSV.

E’ un’iniziativa promossa da Coldiretti nazionale – spiega Alessio Nicoletta, Presidente della Coldiretti Valle d’Aosta – che vuole essere un segnale di speranza per il Paese e per tutti coloro che in questi mesi hanno pagato più di altri le conseguenze economiche e sociali dell’emergenza Covid. Ma anche evidenziare le grandi eccellenze del Paese che hanno contribuito a fare grande il Made in Italy in Italia e all’estero e rappresentano un risorsa determinante da cui ripartire”.

Abbiamo voluto dare un segno tangibile della solidarietà della filiera agroalimentare italiana verso le fasce più deboli della popolazione più colpite dalle difficoltà economiche” è il commento  del presidente della Coldiretti Ettore Prandini nel sottolineare che “il nostro obiettivo è far sì che questa esperienza diventi un impegno strutturale che aggiunge valore etico alla spesa quotidiana degli italiani”.

Con le diverse iniziative di solidarietà alimentare portate avanti nel 2020” sottolinea ancora Elio Gasco, direttore di Coldiretti Valle d’Aosta “tra cui ricordiamo la distribuzione di 16.000 chili di pasta e la spesa sospesa contadina vogliamo dare un segno e una sollecitazione a tutti coloro che possono, perché facciano altrettanto. Da soli non sono aiuti risolutivi, ma se sommati a tanti possono migliorare la qualità di vita di molti valdostani in difficoltà”.

L’iniziativa di Pasqua è stata resa possibile dalla partecipazione di: Conad, Bonifiche Ferraresi, Philip Morris, Eni, Snam, Intesa San Paolo, Generali, De Cecco, Cattolica Assicurazioni Grana Padano, Barilla, Enel, Confapi, Fondazione Tim, Inalca, De Rica, Pomì, Casillo Group, Mutti, Monte dei Paschi di Siena, Granarolo, Coprob, Virgilio, Parmigiano Reggiano, Casa Modena, Ismea, Fondazione Osservatorio Agromafie, Crea.