Skip to main content

Salute e Ambiente

In Trentino tamponi a tutti gli abitanti per evitare il lockdown fino a febbraio

- 0 Comments

Come riporta il Fattoquotidiano.it, la provincia di Bolzano ha iniziato oggi lo screening di massa a tutta la popolazione. L’ Alto Adige intende testare con tamponi rapiti tutti gli abitanti sopra i 5 anni, con l’obiettivo di effettuare 350 mila test ed evitare il lockdown fino a febbraio. Con il costo di 3,5 milioni di euro, saranno mobilitati 900 operatori sanitari in 184 presidi, con 600 postazioni. Sono già 60 mila le prenotazioni effettuate a titolo volontario, e da oggi, venerdì 20 novembre fino a domenica 22, possono sottoporsi al test cittadini, studenti e lavoratori. 

Attualmente sono oltre 10 mila gli altoatesini in quarantena, ovvero il 2% della popolazione, e la provincia è zona rossa dall’8 novembre. “Lo screening di massa probabilmente è l’ultima chance per riprendere il controllo dell’andamento epidemiologico in Alto Adige – ha sottolineato l’assessore Thomas Widmann – localizzando gli asintomatici per avere un quadro reale situazione“. “La riapertura delle scuole è una assoluta priorità. La chiusura totale dovrà durare il meno possibile. Ma una data potrà essere indicata solo con i dati alla mano dello screening di massa”, ha spiegato poi il governatore del Trentino Alto Adige Arno Kompatscher rinnovando il suo appello alla partecipazione: “Si tratta di un gesto di responsabilità“.

In Valle d'Aosta, solamente il coordinatore di Alliance Valdôtaine Albert Chatrian ha proposto la stessa idea, considerando necessario oramai la realizzazione nei prossimi mesi di uno screening a tutta la popolazione valdostana, se si vuole evitare un altro lockdown.

Simone Nigrisoli