Skip to main content

Sport

Tor des Géants - Annullata l'edizione 2020 e tutte le gare collaterali

- 0 Comments
“Con grande dispiacere, fatica ed emozione siamo costretti ad annullare le gare TORX™ previste dall’11 al 20 settembre 2020, ovvero il TOR450 – Tor des Glaciers, TOR330 – Tor des Géants®, TOR130 – Tot Dret, Tor30 – Passage au Malatrà” così Alessandra Nicoletti, Presidente di VdA Trailers in merito all’organizzazione dell’endurance trail più duro al mondo.
 

“Alla data odierna sono ancora in vigore stringenti normative relative allo svolgimento di eventi sportivi (distanziamento sociale e divieto di assembramenti) – sottolinea Nicoletti – e per noi è impossibile garantire la sicurezza sanitaria a ogni singolo concorrente, ai suoi accompagnatori, ai volontari, ai turisti e alla comunità intera della Valle d’Aosta: migliaia di persone che vivono le gare del TOR X sempre in prima fila, a stretto contatto e che sono parte vitale delle nostre attività”.

 

Il TOR X, inoltre, è un evento internazionale “Sono 77 le nazioni rappresentate dagli atleti iscritti – continua Nicoletti - e ogni paese sta affrontando la pandemia, con differenze nelle norme di prevenzione e di intervento, secondo gli stati: anche in questo caso è impossibile sapere a chi, e in che modo, sarà garantito l’accesso al nostro paese nel mese di settembre, ed eventualmente il ritorno in patria dopo la gara”.
 
“Ci siamo subito attivati su due fronti - spiega il presidente di VDA Trailers - da una parte abbiamo monitorato costantemente gli sviluppi della situazione, preso atto delle mutevoli indicazioni governative e valutato gli effetti concreti che avrebbero potuto avere sullo svolgimento delle gare ancora in calendario, mentre dall’altra abbiamo cercato soluzioni alternative. Abbiamo pensato, valutato, confrontato, discusso non solo all’interno della nostra organizzazione, ma anche con enti regionali, sponsor ed esperti di logistica, in un flusso continuo di riunioni a distanza, nella speranza di poter trovare una soluzione che permettesse di organizzare il TORX a settembre”.
 
Diverse le ipotesi sul tavolo, risultate tutte, purtroppo, impraticabili Abbiamo pensato all’attivazione di partenze scaglionate, all’ampliamento e alla separazione delle strutture delle basi vita, all’aggiunta di impianti di sostegno lungo il percorso, ma solo questo avrebbe richiesto un numero di volontari, trasportatori, montatori, tecnici di soccorso e informatici, guide, addetti alla protezione civile, medici, infermieri e fisioterapisti pari al doppio della abituale forza in campo. Anche ipotizzando di poter fare affidamento su tutti, niente e nessuno potrebbe garantire la sicurezza in gara, e anche successivamente, di un solo atleta, volontario o spettatore. E la sicurezza, prima ancora del divertimento, dello sport, della solidarietà, è da sempre alla base di ogni nostra iniziativa”.
 
Ad ogni atleta iscritto sono state comunicate le modalità di rimborso. L'esito del sorteggio viene mantenuto per una edizione a scelta tra 2021/2022/2023, ed è cedibile ad un altro corridore. Sono al vaglio ulteriori agevolazioni sulle iscrizioni future.