Skip to main content

Comuni e Territorio

Stop allo sci - Nuti "Per l’economia della nostra comunità è l’ennesimo, durissimo colpo"

- 0 Comments

Stupore e sconcerto sulla decisione arrivata all'ultimo di rinviare l'apertura delle stazioni sciistiche da parte del Ministro Speranza vengono espressi anche dal Sindaco di Aosta Gianni Nuti e dall'Amministrazione comunale della città.

"Per l’economia della nostra comunità è l’ennesimo, durissimo colpo dichiara il sindaco Nuti che giunge inatteso, e per questo ancora più doloroso, in un momento in cui gli operatori del settore dello sci, e del turismo in generale, si erano già organizzati per la ripresa dell’attività, seppure per poche settimane e avendo peso il periodo di “alta stagione” a ridosso delle festività natalizie e di fine/inizio d’anno. Oltre agli esercenti, il nostro pensiero va ai lavoratori stagionali dello sci rimasti senza fonte di reddito, e per i quali, come per tutte le professioni coinvolte auspichiamo, da parte del Governo, risposte rapide e adeguatein termini di ristori.Lascia attoniti,oltre all’intempestività, la forma scelta per assumere una decisione cosìimpattante su un territorio naturalmente fragile come quello montano e su gran parte dei suoi cittadini: l’emergenza non esclude la condivisione preventiva in una logica di alleanza interistituzionale sulle cose da fare, corredata di giustificazioni plausibili e di strumenti per comunicare adeguatamente notizie così dolorose agli operatori come ai cittadini.Infine, pur consapevole dell’importanza di tutelare l’interesse pubblico e la salute dei cittadini, mi chiedo se e quanto lo svolgimento delle attività sciistiche con iseveri protocolli che erano stati individuati(da noi ancora più restrittivi), permanesse effettivamente incompatibile con il rischio di diffusione del contagio da varianti del virus Sars Cov-2 paventato dal Comitato tecnico-scientifico del Ministero"..