Skip to main content

Cultura e Spettacoli

Rocco Schiavone 4 - Marco Gillini torna sul set per i nuovi episodi

- 0 Comments

Marco Giallini torna sul set per i nuovi episodi di Rocco Schiavone, la serie prodotta da Cross Productions e Rai Fiction che si gira tra la Valle d'Aosta e Roma, con il sostegno della Film Commission Vallée d'Aoste e supporto della Regione Autonoma Valle d’Aosta e del Comune di Aosta. Le nuove puntate, che andranno in onda su Rai2, sono tratte dai due ultimi romanzi gialli di Antonio Manzini, bestseller per Sellerio: i titoli, "Rien ne va plus" e "Ah, l'amore, l'amore". La sceneggiatura è affidata allo stesso Manzini coadiuvato da Maurizio Careddu, mentre la regia è di Simone Spada.

"Covid o non Covid, abbiamo trovato il modo per ripartire in sicurezza e siamo già molto contenti delle immagini di Schiavone che ci arrivano da Aosta"dice il produttore Rosario Rinaldo.

La serie avrebbe dovuto iniziare le riprese al 26 di marzo "ed eravamo già da tempo al lavoro insieme a Cross Productions per la preparazione delle riprese - spiega il direttore di Film Commission Vallée d’Aoste Alessandra Miletto -  ovviamente l’emergenza sanitaria ha segnato lo stop di tutte le produzioni ma anche durante la fase di lockdown non abbiamo mai smesso di lavorare con i responsabili della produzione. A partire dal mese di maggio siamo stati tutti attivi nel definire insieme alle associazioni dei produttori le linee guida per i protocolli che avrebbero consentito la riapertura dei set e appena sottoscritti i protocolli la macchina si è messa in moto in maniera rapidissima.

A fine giugno si sono tenuti i casting per le comparse e a luglio si è aperto ad Aosta il set della quarta stagione della serie "una tra le primissime a riprendere dopo il lockdown - continua Miletto - per attori e troupe è stata anche l’occasione di vivere una Valle d’Aosta estiva che è stata enormemente apprezzata. Siamo davvero felici essere ripartiti con una serie così importante e così radicata nella nostra regione, perché mai come in questo momento è evidente che avere produzioni che girano sul territorio sia assolutamente strategico per portare visibilità e promozione ma anche e soprattutto per l’impulso fondamentale che l’audiovisivo dà alla ripresa economica; non solo di un settore, quello dei lavoratori dell’audiovisivo e dello spettacolo, che in questo periodo è stato particolarmente penalizzato, ma per un numero amplissimo di attività economiche e di lavoratori coinvolti; dal settore alberghiero e della ristorazione ai servizi di ogni genere, dalla logistica alla scenografia, dalle location private ai costumi e ne elenco solo alcuni. Molte sono le produzioni che si apprestano a ripartire nelle prossime settimane e mesi, e questo è un segnale estremamente positivo e incoraggiante" e conclude "mi preme segnalare il grande impegno di tutti per portare a casa un ottimo risultato nelle massime condizioni di sicurezza. Per questo ringraziamo in primis Cross Productions, il regista, gli attori e tutta la troupe e naturalmente la Regione autonoma Valle d’Aosta, la Protezione Civile, la Ausl, il Comune di Aosta, gli altri comuni coinvolti e tutti i soggetti istituzionali e privati che si sono spesi in modo particolare per trovare soluzioni rapide in un momento di grande complessità”.