Skip to main content

Comuni e Territorio

"Questa situazione rischia di soffocare il mio piccolo bar, a causa del coronavirus e della miopia del Comune di Aosta"

- 0 Comments

Riceviamo e pubblichiamo.

"Chiedo di pubblicare questa mia lettera per poter parlare della mia attività e poter denunciare pubblicamente una situazione che rischi di soffocare il mio piccolo bar, a causa del coronavirus e della miopia del Comune di Aosta.

Sono il gestore del Bar Saint Georges di Aosta. Da sempre ho gestito locali nel Comune di Aosta, portando un contributo all'economia locale e – credo di poter affermare – prestigio alla stessa. I miei locali, infatti, sono sempre stati un fiore all'occhiello del comune e non ho mai ricevuto lamentele dalla clientela, che mi ha sempre seguito nei miei spostamenti. Oggi, però, rischio di chiudere. Il virus e il distanziamento sociale non mi permettono di avere la possibilità di accogliere tutte le persone che vogliono entrare a bere un caffè o mangiare un panino. Il problema principale, però, è che il Comune di Aosta non mi permette di mettere due tavoli fuori dal mio locale, non assumendosi la responsabilità politica di prendere una decisione

.Ho chiesto inizialmente dipoter mettere due tavoli sul marciapiede di fronte al bar. La risposta del Comune è stata negativa, perché lì passa la navetta verde ed è pericoloso per la salita e la discesa della gente dal bus. A mio avviso, basterebbe spostare provvisoriamente la fermata di 50 mt. Ma, appunto, questa è una responsabilità che bisognerebbe assumersi per il bene dei propri cittadini e per la sopravvivenza di un locale. La mia seconda proposta allora chiedeva di poter mettere i tavolini nell'aerea verde di fronte al bar. Avrei rivalutato quell'area, occupandomi io del verde e della pulizia. La risposta è stata nuovamente negativa, in quanto l'area si trova dalla parte opposta di una strada a doppia corsia di marcia. Questarisposta mi ha lasciato ancora più perplesso. Non mi è chiaro perché io non possa servire un caffè attraversando la strada... forse che le auto non sono tenute a fermarsi alle strisce pedonali se ho un vassoio in mano?

Dopo entrambi i rifiuti, ho chiesto spiegazioni, ma mi è stato fatto capire di non poter fare molto. Eppure in altri Comuni della Valle, i sindaci si sono attivati e hanno dato i permessi per i dehors anche al di là di una strada trafficata. Perché ad Aosta no? Non è il primo cittadino a doversi assumere responsabilità di questo genere? Non è il Sindaco e tutto il consiglio comunale a doversi preoccupare che tutti i locali abbiano lo stesso trattamento e le stesse possibilità? Ho già dovuto lasciare una delle mie dipendenti a casa e, se le cose non cambiano, dovrò fare la stessa cosa con l'altra dipendente. Chiedo allora pubblicamente: è possibile trovare una soluzione?

Leggo, dagli organi di stampa, che da oggi via Torino diventerà zona 30Km, per - a detta del Sindaco - “favorire il tessuto imprenditoriale cittadino, consentendo l’ampliamento dei dehors per le attività commerciali che si affacciano sulle strade interessate”. Allora, perché sono l'unico bar di tutta la via a non poter avere un dehors? Durante il lockdown sono arrivate dal Comune molte promesse, ma purtroppo chi molto promette, poco mantiene e a farne le spese sono le piccole attività come la mia e i suoi dipendenti. Spero di ricevere un po' di attenzione da chi può/dovrebbe aiutarmi".

Alberto Fadda