Skip to main content

Comuni e Territorio

Parere favorevole del Cpel alla Legge di Stabilità - Criticità sull'erogazione dei servizi welfare in capo agli enti locali

- 0 Comments

I lavori dell'Assemblea del Cpel si sono aperti oggi con il confronto con il Presidente della Regione Erik Lavevaz  e l’Assessore alle finanze, innovazione, opere pubbliche e territorio, Carlo Marzi per l’analisi della legge di stabilità.

Durante l’incontro, svoltosi in videoconferenza, sono stati evidenziati i punti salienti di un bilancio che, visti i tempi ristretti tra la nomina del nuovo Governo e le scadenze normative previste per la presentazione dei documenti di bilancio, garantisce risorse in continuità con quelle previste dalla previsione 2020-22, e si propone come obiettivo la prosecuzione della gestione, evitando il ricorso all’esercizio provvisorio. Con la volontà di rimettere in circolo risorse per dare risposte all’emergenza, sul bilancio 2021 le possibilità di manovra si manifesteranno con l’assestamento.

Il Presidente del Cpel Franco Manes ha espresso soddisfazione per "l’impegno politico preso nel bilancio regionale verso gli enti locali, in particolar modo nel tentativo di semplificare le leggi di settore, un problema che evidenziamo da anni, nonché per la volontà individuare ulteriori risorse da destinare in maniera completa agli enti locali. Ci fa piacere che il punto di partenza sia l’assestamento, per dare dignità e gambe agli enti locali sul territorio. Abbiamo dimostrato in questi mesi la nostra capacità di utilizzare le importanti risorse messe a disposizione da Regione e Governo nazionale. Chiaramente il Legislatore deve arrivare al più presto all’assestamento, perché abbiamo bisogno di una serie di aggiustamenti sul piano finanziario, che non possono avvenire troppo in là nel tempo, vista la situazione emergenziale in atto”.

Alex Micheletto, sindaco di Hône e responsabile politico della Consulta “Finanza locale e tributi”, ha quindi presentato il disegno di legge oggetto di parere, composto da tre parti, articolato e allegati, “nella consapevolezza che le riflessioni sul bilancio vero e proprio dovranno essere fatte in sede di assestamento”.

Fra gli elementi salienti relativi agli articoli di legge, è stata ribadita la penuria di risorse umane disponibili in capo a Comuni e Unités, perché, ha detto Micheletto “abbiamo tutti grosse necessità in materia di personale. Vista la normativa regionale in essere, chiediamo di aggiungere il Celva quale soggetto che potrà avviare su specifica delega, per il 2021, autonome procedure selettive per il reclutamento del personale degli enti locali della Valle d’Aosta. Sarebbe quindi possibile mantenere un canale aperto tutto l’anno e avere graduatorie a cui attingere in caso di bisogno”.

Micheletto ha sottolineato alcune criticità relative alla tenuta finanziaria per quanto concerne il welfare in capo agli enti locali, in primis riguardo ai servizi a favore delle persone anziane ed inabili, i servizi socio-educativi per la prima infanzia “La mancanza di risorse certe pone fortemente a rischio la qualità dei servizi erogati e la loro continuità, soprattutto tenuto conto dell’attuale situazione di emergenza da COVID-19 ”.

In evidenza anche le richieste relative all’extragettito IMU “Come ribadito in più occasioni negli ultimi anni, da questa Assemblea - continua Micheletto -  chiediamo che queste risorse, pari complessivamente a 32 milioni di euro, rimangano interamente in capo ai Comuni. Si permetterebbe così di dare fiato ai nostri bilanci, soprattutto in questo momento di difficoltà”.

All’unanimità e dopo un’ampia analisi di dettaglio dei provvedimenti, l’Assemblea ha espresso un parere favorevole con modifiche e osservazioni alla legge regionale di stabilità.