REDAZIONE@AOSTANEWS24.IT

Operazione ‘Watches ad Wonders’: sequestrata una viola “tarocca” al Traforo del Gran San Bernardo

di Redazione

di Redazione

Sono scattati i controlli dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e della Guardia di finanza ai confini italo-svizzeri di Valle d’Aosta e Piemonte, in concomitanza con la fiera del settore dell’orologeria e dei gioielli ‘Watches ad Wonders 2024’ a Ginevra.

Per diversi giorni, i valichi alpini, sia stradali (Iselle Trasquera, Piaggio Valmara, Traforo del Monte Bianco e del Gran San Bernardo) sia ferroviari (linea passeggeri Domodossola – Briga e treni navetta auto della galleria del Sempione), sono stati soggetti ai controlli delle fiamme gialle.

Durante tali controlli è stato scoperto un caso di contraffazione rilvante che riguarda anche la Valle d’Aosta: un italiano cercava di introdurre una viola contraffatta nel territorio nazionale passando dal Traforo del Gran San Bernardo. La viola presentava una targhetta fraudolenta attribuita al maestro liutaio veneziano Leone Sanavia, ma gli accertamenti hanno suggerito che fosse di fabbricazione rumena o boemo-ungherese. Mentre gli strumenti originali di Leone Sanavia valgono tra i 25 e i 60 mila euro, la copia sequestrata ha un valore inferiore ai 2.000 euro. La viola è stata confiscata e il detentore sanzionato.