REDAZIONE@AOSTANEWS24.IT

Nel 2023 più denunce in Valle d’Aosta. D’Ambrosi: “dalla Procura performance efficiente”

di Redazione

di Redazione

Durante la presentazione del bilancio sociale 2023 della procura di Aosta, avvenuta stamane, il Sostituto Procuratore Manlio D’Ambrosi ha fornito il dato dei reati in Valle d’Aosta: essi sono cresciuti dell’8% l’anno scorso, passando da 3.275 (nel 2022) a 3.594.

Secondo d’Ambrosi i reati cresciuti di più sono quelli attinenti alla sfera del ‘Codice Rosso’, che passano a 184 dai 160 del 2022. In particolare:

  • maltrattamenti 93 casi, contro gli 82 del 2022;
  • atti persecutori 42 contro 35;
  • violenze sessuali 31 contro 23.

In controtendenza, invece, le violazioni del divieto di avvicinamento che scendono a 18 contro le 22 del 2022. I numeri sono stati commentati dal dott. D’Ambrosi, che dice: ”crescono i reati riconducibili al Codice rosso e il dato è in aumento su tutto il territorio nazionale. Sicuramente sta crescendo la consapevolezza nel denunciare, ma il fenomeno è grave e come tutti i fenomeni sociali per carpirli e studiarli c’è bisogno di tempo”.

Più reati denunciati e le performance della Procura

Anche altre denunce risultano in aumento, come reato di lesione personali che passano da 124 nel 2022 a 153 nel 2023. I furti da 798 a 890, le truffe informatiche da 530 a 635.

Stabili le performance della Procura – secondo il dott. D’Ambrosi – che torna però a rilevare le carenze di organico: a fronte di 30 effettivi, la Procura può infatti disporre di sole 14 risorse nel personale. ”Anche per il 2023 – conclude il magistrato – la Procura di Aosta ha mantenuto gli obiettivi di efficienza”.

I tempi medi di definizione di un fascicolo sarebbero di 43 giorni, per un totale di 4495 fascioli definiti su 4802 nel 2023.