Skip to main content

Scuola e Formazione

Nasce il CRIA, il nuovo centro istruzione per adulti, Caveri: "Sarà un laboratorio regionale di riferimento"

- 0 Comments

L’Assessorato dell’Istruzione, Università, Politiche giovanili, Affari europei e Partecipate comunica che, nella seduta di oggi, lunedì 19 aprile, sono state approvate le linee guida per la definizione della strutturazione organizzativa e didattica del nuovo CRIA, il Centro regionale per l’istruzione degli adulti.

Con la fase sperimentale, che si concluderà a fine agosto, e da un’analisi del contesto regionale e da un confronto di questo con quello nazionale – spiega l’Assessore all’Istruzione Luciano Caveri – siamo riusciti a individuare l’assetto del sistema regionale di istruzione degli adulti, che trova ora la sua sintesi e la sua condivisione organizzativa in un nuovo centro di gestione tecnico-amministrativa, che si è scelto di denominare Centro Regionale per l’Istruzione degli Adulti (CRIA), incardinandolo presso l’Istituzione scolastica Innocenzo Manzetti di Aosta, che sarà quindi sede dei percorsi formativi di alfabetizzazione, di primo e di secondo livello di istruzione ovvero ex CTP (Centro Territoriale Permanente) e corsi serali per il conseguimento del diploma del secondo ciclo di istruzione.

Con la deliberazione adottata oggi dalla Giunta, è stato, inoltre, definito l’aspetto relativo all’organico del personale docente e del personale ausiliario, tecnico, amministrativo regionale (ATAR) del CRIA.

Il suddetto Centro - conclude l’Assessore Caveri - diventa quindi il “laboratorio regionale” di riferimento per tutti i percorsi educativi e formativi destinati alle persone che vogliono affrontare nuovi percorsi di istruzione in età adulta. Ovviamente l’eventuale ampliamento dell’offerta formativa, nell’ambito dei percorsi professionalizzanti, sarà in accordo tra la Sovraintendenza agli studi e il Dipartimento politiche del lavoro e della formazione.