REDAZIONE@AOSTANEWS24.IT

‘Moderno sarà lei’: presentato il libro di Gianluigi Paragone. E Marguerettaz rispedisce ai mittenti le polemiche…

di Giuseppe Manuel Cipollone

di Giuseppe Manuel Cipollone

Metà conferenza e metà spettacolo. Si è tenuta la conferenza di presentazione del nuovo libro di Gianluigi Paragone – giornalista, volto televisivo ed ex Parlamentare – dal titolo ‘Moderno sarà lei’.

Una serata che è corsa veloce, nella sala conferenze della Bcc valdostana all’Arco d’Augusto di Aosta, fra i tanti paradossi che la contemporaneità ha innescato e di cui tutti i giorni paghiamo il prezzo. Deumanizzazione, perdita della privacy, abuso dei dati personali, capitalismo post industriale, poteri transnazionali, speculazione finanziaria, le contraddizioni della tecnica: tutti questi fattori concorrono nel far perdere all’uomo e al cittadino occidentale il contatto con la propria identità, le proprie radici e la vita di comunità. Un j’accuse quello contenuto nel libro di Paragone, con prefazione del giornalista Mario Giordano, che punta il dito sulla perdita di autenticità della vita moderna che impone forme di alienazione sempre nuove e più distopiche.

Le polemiche

I movimenti di sinistra, in particolare Adu e PCP, hanno rivolto dure critiche all’evento. Nello specifico ad esser bersagliata è stata presenza del Vicepresidente del Consiglio Valle, l’unionista Aurelio Marguerettaz. Secondo la sinistra la presenza di Marguerettaz, affiancato dall’Assessore Giulio Grosjacques, sarebbe inopportuna, in quanto Paragone sarebbe il megafono delle tesi anti europeiste, contro i vaccini e complottiste.

Da sx a dx: Giulio Grosjacques e Aurelio Marguerettaz

La risposta di Aurelio Marguerettaz

“Anticipo dicendo che l’Ufficio di presidenza con questa conferenza non ha fatto un endorsement ai contenuti di questa iniziativa – chiosa Marguerettaz. Piuttosto essa ha voluto promuovere un confronto, in quanto la cosa importante non è far parlare solo chi la pensa come noi, ma lasciare spazio a chi puà dare un contributo ed aprire delle riflessione. Potremmo anche non esser d’accordo su nulla con Gianluigi Paragone, ma dare la possibilità di confrontarsi e mettere in discussione alcune nostre certezze”.

Polemiche fuori luogo, dunque, secondo Aurelio Marguerettaz, che non arretra di un millimetro.

Giuseppe Manuel Cipollone