REDAZIONE@AOSTANEWS24.IT

La TikToker Simona Rivellini ad Aosta per parlare di adozione e famiglia

di Redazione

di Redazione

Simona Rivellini, autrice del libro ‘Ti stavo aspettando così’ e TikToker, spesso ospite di trasmissioni radio e televisive su temi legati alla famiglia, sarà alla Biblioteca Regionale di Aosta venerdì 15 dicembre alle 21:00 per un incontro organizzato dall’Associazione ‘AGApe’. L’evento è aperto a tutti, in particolare ai giovani, ed è patrocinato dalla Biblioteca Regionale ‘Bruno Salvadori’.

La storia di Simona, 23enne di Monza, ha tanto da insegnare. Abbandonata in ospedale alla nascita, è stata adottata dopo un mese da una famiglia di Monza che l’ha cresciuta ed amata senza mai nasconderle le sue origini. Negli anni, Simona ha affrontato con il cuore e la mente aperta questo suo percorso, arrivando anche a conoscere i suoi genitori biologici all’età di vent’anni e dire di “essere nata due volte, da una pancia e da un cuore”, come ha raccontato in un’intervista.

Simona ha voluto condividere con tutti – persone adottate, genitori adottivi ma non solo – il suo percorso, le sue domande, i suoi dubbi e le sue risposte sia sui suoi canali social, in particolare TikTok. Sul libro ‘Ti stavo aspettando così’, scritto e illustrato da lei stessa a dire: “il libro è un inno all’adozione, una testimonianza di quanto la famiglia si basi sull’amore e non su legami di sangue. Ho compreso a pieno che voglio che la gente sappia cos’è l’adozione, chi sono gli adottati, come stanno i genitori adottivi – scrive Simona -. Sono stata adottata e crescendo ho sempre avuto tante domande e troppe poche risposte. Per anni ho cercato un libro che mi spiegasse cosa stavo vivendo, che mi desse comprensione, forza, coraggio e soluzioni. Pagine nelle quali non sentirmi sola, che spiegassero in modo chiaro e semplice cos’è l’adozione. Il mio sogno è che l’adozione possa diventare semplicemente una delle tante opzioni della vita e che ogni persona adottata possa sentirsi totalmente a casa nella propria famiglia adottiva”.