REDAZIONE@AOSTANEWS24.IT

La Valle d’Aosta sarà la Capitale del Dono 2024

di Redazione

di Redazione

L’Italia del dono si dà appuntamento in Valle d’Aosta il 4 ottobre, per festeggiare il Giorno del Dono 2024: studenti pronti a raccontare la propria idea di dono, enti del Terzo Settore del territorio, Comuni, imprese virtuose e cittadini, ancora una volta insieme per la più grande festa del dono d’Italia. L’evento è realizzato dall’Istituto Italiano della Donazione (IID), in collaborazione con il CSV Vd’A, che proprio quest’anno festeggia i suoi primi 25 anni. 

Alberto Fontana, Presidente IID, sottolinea: “il 4 ottobre nasce per mostrare le potenzialità di un gesto tanto semplice quanto concreto, il dono, che dal 2015 ha una legge della Repubblica a sancirne il valore nazionale e non solo. Abbiamo scelto come cuore pulsante di questa 10ª edizione la regione tetto d’Europa, per sottolineare la calorosa partecipazione della Valle d’Aosta fin dagli esordi”.

La Valle d’Aosta Capitale del Dono 2024 rappresenterà una importante vetrina per mostrare a tutta l’Italia una regione che si contraddistingue per la bellezza del suo patrimonio naturale e culturale, ma anche per una grande comunità solidale. Sarà anche un’occasione unica per portare la cultura del dono letteralmente “sul tetto d’Europa”.

Saranno tanti gli eventi territoriali che, nei mesi di settembre e ottobre, verranno organizzati per il Giorno del Dono e coinvolgeranno l’intera Valle d’Aosta – da Courmayeur a Pont-Saint-Martin – grazie alle numerose associazioni di volontariato, ma anche agli enti locali ed ai cittadini, in un’alleanza che ha saputo creare e rinforzare sempre la cultura del dono. Il calendario degli eventi passerà anche per il suggestivo Forte di Bard e toccherà il suo punto più elevato ad Aosta il 4 ottobre, appunto il Giorno del Dono. 

L’intitolazione della Valle d’Aosta quale Capitale Italiana del Dono 2024 da parte dell’Istituto Italiano della Donazione – con il quale collaboriamo da tempo e che ringraziamo per la fiducia accordataci – rappresenta uno straordinario riconoscimento per l’intera Comunità valdostana e per l’azione quotidiana svolta dalle tante donne e uomini che operano, con grande generosità e professionalità, nelle oltre 230 Associazioni di Volontariato presenti nel territorio regionale – dice Claudio Latino, Presidente del CSV VDA -. In particolare, il Giorno del Dono ha rappresentato da sempre per la nostra regione la valorizzazione di tutto il Volontariato territoriale e, allo stesso tempo, lo strumento per sviluppare una autentica comunità solidale formata dall’insieme delle Istituzioni regionali e locali (grazie anche al fondamentale sostegno del CELVA), della scuola, dei privati, del mondo del Volontariato e dei tanti cittadini che hanno condiviso questo percorso. Questo straordinario risultato, insperato per tutti noi, ci riempie di soddisfazione e rappresenta un ulteriore stimolo per proseguire, con maggiore forza, l’azione intrapresa in questi 25 anni di azione sul territorio”.

Il Giorno del Dono nelle scuole

Motore trainante del Giorno del Dono sono gli studenti di ogni ordine e grado, che possono candidare al relativo contest uno o più elaborati artistici: non solo video ma anche testi, canzoni, fotografie e disegni che arricchiranno la gallery dedicata alle scuole che sarà disponibile su giornodeldono.org. 

Sono già tanti i premi confermati per le scuole: oltre a F.I.L.A. – Fabbrica Italiana Lapis ed Affini – che ha già confermato per il terzo anno consecutivo la donazione di forniture di strumenti creativi alle scuole che vinceranno il contest, anche le tecnologie per la didattica donate da Esse Due S.a.s, partner tecnico del Giorno del Dono dal 2019.

Il progetto che dal 2015 ha reso protagonisti oltre 102.000 studenti – provenienti da 730 scuole con la produzione di 640 elaborati artistici – non comporta nessun costo per la scuola.

I riferimenti utili sono i consueti: il sito IID riporta il regolamento completo del contest, mentre nella sezione ‘scuole’ della piattaforma dedicata è online il modulo di iscrizione a #DonareMiDona Scuole, da compilare entro il prossimo 17 giugno. Sarà poi aperta la votazione online, che si concluderà il 21 luglio ed eleggerà i vincitori della ‘giuria popolare’ per i diversi ordini scolastici. Viene inoltre confermato anche il riconoscimento ‘giuria tecnica’ per tutte le categorie. Tutte le premiazioni avverranno in occasione delle celebrazioni del Giorno del Dono.

Oltre a tutto questo, le scuole possono comunque entrare a far parte delle ‘scuole del dono’ ed essere testimonial #DonoDay2024 semplicemente scegliendo l’adesione morale nel modulo di iscrizione e impegnandosi a diffondere i valori del Giorno del Dono durante l’attività didattica.

Non solo scuole: stanno infatti partendo in questi giorni le iniziative dedicate a servizi minorili, Comuni, enti non profit ed aziende che permetteranno a sempre più realtà di essere protagoniste di #DonoDay2024. Dalla sua nascita il Giorno del Dono ha coinvolto più 1.000 Comuni, 1.350 enti di terzo settore e 130 imprese.

Tutte le informazioni su #DonoDay2024 sono disponibili su www.giornodeldono.org e www.istitutoitalianodonazione.it.