REDAZIONE@AOSTANEWS24.IT

La Lega presenta il dl sul ‘fattore famiglia’: “misura concreta per incentivare la natalità”

di Redazione

di Redazione

L’obiettivo della proposta di legge presentata oggi, durante una conferenza stampa, dal gruppo consiliare della Lega in Valle d’Aosta è quello di istituire il “fattore famiglia”. Questa iniziativa – depositata il 26 settembre scorso – mira a contrastare il fenomeno dello spopolamento e della bassa natalità nella regione.

“Il fattore famiglia è un indicatore sintetico della situazione reddituale, ovvero un coefficiente che garantisce una premialità alle famiglie, aggiungendosi e rideterminado l’Isee”, spiega il capogruppo leghista Andrea Manfrin.

L’obiettivo del fattore famiglia

Il ‘fattore famiglia’ – proposto nel dl – tiene in considerazione una serie di elementi aggiuntivi rispetto all’Isee tradizionale, evitandone alcune distorsioni che penalizzano i nuclei familiari più numerosi. Questi elementi includono l’aumento del peso attribuito ai figli all’interno del nucleo familiare, la considerazione della presenza di individui con disabilità, l’attenzione ai casi di genitori single e la perdita di reddito causata da motivi di lavoro. Inoltre, il ‘fattore famiglia’ tiene conto anche di casi particolari come la presenza di gemelli a carico dei genitori.

Pertanto, questo strumento consentirà di valutare le condizioni economiche e sociali delle famiglie in modo più preciso, permettendo loro di beneficiare di diverse prestazioni sociali e sociosanitarie da cui talvolta vengono escluse. Numerose regioni e comuni lo hanno già implementato, ottenendo risultati positivi.

“Ad esempio a Castelnuovo del Garda, comune del Veneto in cui si è sperimentato per la prima volta il fattore famiglia, la popolazione che all’inizio del 2003 contava 8.900 abitanti è cresciuta fino a raggiungere i 13.370 abitanti nel 2021”, ha spiegato Manfrin.

La misura – secondo la Lega – è un incentivo alla natalità fondamentale: “È arrivato il momento di fare qualcosa di concreto, questo è un primo passo per decidere e trovare delle soluzioni per invertire la rotta” sostiene il consigliere Erik Lavy che ricorda lo spopolamento che specie le aree montane sta subendo.

Per il consigliere Raffaella Foudraz, che chiude la conferenza stampa, si tratta di “una piccola proposta di legge, sono solo sei articoli, ma che avrà un forte impatto positivo sulle famiglie valdostane”.