REDAZIONE@AOSTANEWS24.IT

Ipotesi Cpr in Valle d’Aosta, Testolin: “opzione difficilmente attuabile”

L’emergenza dell’immigrazione clandestina preme sull’agenda del governo Meloni, impegnato a non perdere punti proprio sul dossier che più di altri ne ha favorito l’elezione. Dall’ultimo Consiglio dei ministri è emersa l’ipotesi dell’apertura dei Centri di permanenza e rimpatrio (Cpr), uno per regione. Una misura che potrebbe riguardare anche la piccola Valle d’Aosta.

La prudenza di Testolin

Il presidente della Regione, Renzo Testolin, ha espresso una linea prudente in merito all’ipotesi di un Cpr in Valle d’Aosta. “Al momento la Regione Valle d’Aosta non ha ricevuto comunicazioni ufficiali sull’ipotesi di insediamento di un Cpr sul territorio regionale – ha sottolineato il presidente. Una opzione questa, difficilmente attuabile, che comunque potremo analizzare solo nel momento in cui ci saranno, se ci saranno, elementi e proposte sui quali confrontarsi e, comunque, sempre nell’ambito di una interlocuzione tra governo e regioni”.