Skip to main content

Politica e Istituzioni

Incompatibilità dei Consiglieri, dopo il voto infuria la polemica

- 0 Comments

L'istanza presentata da Alberto Zucchi che chiedeva al Consiglio Valle di sospendere i 6 consiglieri regionali - ancora in carica - condannati dalla Corte dei Conti ha fatto rumore e nonostante sia stata bocciata dall'aula si è portata dietro una scia di polemiche. L'iniziativa infatti è stata bocciata a voto segreto, con 18 contrari, 3 favorevoli e la Lega fuori dall'aula. 

Il primo ad attaccare è stato lo stesso Zucchi che ha parlato di una "farsa che continua", sottolienando il conflitto di interesse dei 6 Consiglieri che hanno votato su una iniziativa consiliare che li riguardava in prima persona. A stretto giro è arrivato anche il supporto - dalla barricata di sinistra - da parte di Chiara Minelli e E.Guichardaz, che già in aula avevano dichiarato voto favorevole all'iniziativa di Zucchi. 

Non è mancata però la risposta repentina della maggioranza regionale che attraverso un comunicato congiunto ha sostenuto che la volontà di bocciare l'istanza sia avvalorata dal parere degli uffici legali regionali. Scrivono infatti: "Gli uffici del Consiglio regionalein collaborazione con quelli della Giunta, hanno condotto un'attenta ed articolata istruttoria che ha portato a ritenere di non dover dare corso d'ufficio alla contestazione dell'incompatibilità nei confronti dei Consiglieri condannati, poiché il procedimento non è da ritenersi concluso in quanto, in attesa del pronunciamento della Corte di Cassazione, la sentenza non può considerarsi passata in giudicato".

Ed hanno poi aggiunto - piccati - una dura critica sulla presunta incoerenza di Zucchi un tempo vicino alla Lega VdA per poi diventarne critico, oltre che ne hanno ricordato la condanna in appello ricevuta dallo medesimo l'anno scorso.