Skip to main content

Cronaca

Il Sottosegretario Costa fa eco al Ministro: "Verso estensione del green pass sui luoghi di lavoro". Tamponi gratuiti? "Improbabile"

- 0 Comments

Parole che potrebbero suscitare delle reazioni forti nel Governo quelle di Andrea Costa, Sottosegretario alla salute del Ministro Speranza. Interpellato durante una trasmissione radiofonica sulla possibile estensione - a partire dalla prossima settimana - del Green Pass sui luoghi di lavoro pubblici e privati, il Sottosegretario avrebbe risposto: "Credo di sì, questo è l'obiettivo da raggiungere. Per quanto riguarda la Pubblica Amministrazione dobbiamo creare le condizioni per tornare alla normalità e far tornare a lavorare in presenza i nostri dipendenti pubblici dei Comuni, dei nostri enti locali, perché credo sia un segnale importante". 

Costa ha poi voluto precisare l'importanza che ha ricoperto lo smart working fin'ora, ma non sarà la strada principale in futuro: "Se lo smart working è stato uno strumento fondamentale nel momento più complicato del nostro paese, credo che oggi dobbiamo creare le condizioni per tornare a lavorare in presenza e il Green Pass è uno strumento efficace per raggiungere questo obiettivo".

E sull'ipotesi, patrocinata dalla Lega, del tampone pagato dallo Stato per chi volesse dotarsi del green pass senza sottoporsi all'iniezione? Il Sottosegretario pare chiudere a questa eventualità: "Bisogna fare una riflessione e un approfondimento, ma non credo che questa possa essere la soluzione, la strada da percorrere. La via maestra scelta dal governo non è quella del tampone ma quella del vaccino. Se partiamo da questo principio mi sento di escludere questa ipotesi", precisando che uno sforzo del governo nell'ottica di calmierare i prezzi dei tamponi vi sia già stato ma rimane improbabile la loro totale gratuità per i lavoratori.