Skip to main content

Comuni e Territorio

Il Premio regionale per il volontariato all'Associazione Partecipare Conta

- 0 Comments

L'edizione 2020 del Premio regionale per il volontariato èandata al progetto "Ri-partire insieme" l'iniziativa dell'associazione Partecipare Conta, impegnata nel promuovere il volontariato tra i giovani con una particolare attenzione verso il mondo della disabilità.

L'Associazione vincitrice si vede così assegnare i 5.000 euro di contributo previsti dal premio bandito dal Consiglio regionale in collaborazione con il CSV, insieme alla sezione valdostana dell'Associazione nazionale Alpini, ai Lions Club "Aosta Host" e "Aosta Mont-Blanc" e  ai Rotary Club "Aosta" e "Courmayeur-Valdigne".

"Ancora una volta - dichiara il Presidente del Consiglio, Alberto Bertin, a nome dell'Ufficio di Presidenza - questo premio mette in luce la vitalità e la ricchezza del mondo del volontariato nella nostra regione. Le associazioni valdostane dimostrano non solo la loro capacità di intervenire in maniera efficace, ma anche la forza di reagire all'emergenza per trovare strade nuove e guardare oltre le difficoltà, per costruire un futuro solidale e attento alle relazioni".

Il progetto vincitore mira a realizzare dei tirocini per persone con disabilità presso l'albergo etico Comtes de Challant di Fénis. I partecipanti vengono affiancati da educatori e volontari, per sviluppare competenze spendibili nello stesso albergo o in altre realtà lavorative: l'obiettivo è quello di supportare le persone disabili che, concluso il percorso scolastico, si trovano spesso prive di opportunità di inserimento sociale e lavorativo. Il progetto prevede anche una formazione specifica per i volontari accompagnatori.

La giuria ha deciso di assegnare il premio "per la capacità di guardare oltre la difficoltà, non rinunciando a coltivare il futuro individuale di ciascuno di noi. Il progetto di Partecipare Conta evidenzia come il volontariato possa essere l'innesco per iniziative che coinvolgono soggetti diversi, con una reale presa in carico fatta di ascolto e di prospettiva: uno spazio che può essere palestra di vita, luogo di formazione e di sviluppo, valorizzando le differenze tra le persone nella costruzione di una società armonica".

Tra i 13 progetti presentati, la giuria ha poi selezionato altre 5 proposte meritevoli di ricevere i riconoscimenti di 4.000 euro ciascuno previsti dal bando e sono:

Il progetto "Smart social working associativo per donare vita a chi è malato" dell'AVIS regionale VdA, volto a innovare l'organizzazione della donazione del sangue e delle pratiche associative, predisponendo piattaforme online e creando una "Charte du donneur de sang" elettronica e personale.

Il progetto "Une voix spéciale" dell'ANGSA VDA APS - Associazione nazionale genitori soggetti autistici Valle d'Aosta, che prevede un percorso di scoperta della radio per persone autistiche.

Il progetto "#iorestoacasa e… scrivo una storia" dei Volontari del soccorso di Donnas, che hanno realizzato un concorso letterario e un libro di leggende nate durante il lockdown.

Il progetto "IO malato di cancro al tempo del Covid" dell'associazione a sostegno della vita dopo il cancro VIOLA, che prevede un'indagine dettagliata sui bisogni di chi vive il lockdown insieme o in seguito alla malattia, a partire dall'ascolto effettuato nel primo periodo dell'emergenza.

Il progetto "Essere studenti DSA in tempi di pandemia!" di Antenne handicap VdA onlus, che prevede percorsi di approfondimento per docenti scolastici per gestire le problematiche legate ai disturbi dell'attenzione nell'insegnamento a distanza.

A causa delle restrizioni legate all'emergenza sanitaria, non è prevista una cerimonia di premiazione: alle associazioni verrà recapitata singolarmente la targa del premio ricevuto, mentre i fondi saranno erogati alla conclusione dei progetti selezionati.