Skip to main content

Sport

Il K2 si tinge di rossonero: team valdostano conquista una delle vette più alte del mondo

- 0 Comments

Francois Cazzanelli, Pietro Picco e Jerome Perruquet sono i tre alpinisti valdostani saliti sulla vetta del K2, la seconda montagna più alta del mondo.

Negli anni sono stati svariati i tentativi da parte degli alpinisti valdostani di conquistare questo colosso. Ad oggi le uniche guide alpine valdostane ad aver raggiunto la vetta del K2 erano state Abele Blanc e Marco Camandona che, il 29 luglio del 2000 alle ore 18:15, raggiunsero la vetta del K2, scalando lo sperone Abruzzi, al termine di una spedizione d’altri tempi con condizioni meteo e della montagna difficilissime. 

Camandona, oggi, nel 2022, è al campo base a coordinare la scalata assieme al patron di AROL, Sergio Cirio, amico e mecenate, rimasto al CB a sostegno dei ragazzi. Emrik Favre, a malincuore, ha invece dovuto lasciare il campo base a causa di una bronchite e pertanto ha deciso di rientrare in Italia con i trekkers venuti dalla Valle d’Aosta e guidati da Roger Bovard.

Dopo il Broad Peak, gli alpinisti hanno riposato pochi giorni e vista la finestra di bel tempo hanno deciso di provare tutti e tre assieme la scalata, in squadra. Partiti lunedì 25 luglio dal Campo Base si sono dovuti fermare al C2 perché aveva ripreso a nevicare. Martedì mattina 26 luglio, sono partiti per il C3, dovendo tracciare su neve fresca aiutati anche da degli sherpa molto forti. Mercoledì 27 luglio sono arrivati al C4 a quota 8000 alle 13 italiane, qui gli alpinisti si sono riposati qualche ora. Alle ore 21.15 ora locale sono partiti per attaccare la vetta: la meteo era perfetta, non c’era vento e il cielo era stellato. 

22 anni dopo - scrive emozionato in un messaggio Marco Camandona - si sale verso il K2”. Pietro Picco ha raggiunto la vetta alle ore 8 pakistane e Francois Cazzanelli e Jerome Perruquet alle 8:30. Attualmente sono impegnati nelle operazioni di discesa.