Skip to main content

Cronaca

Frode in pubbliche forniture al Comune di Aosta e all'Ausl - Due indagati

- 0 Comments

Sono due gli indagati per concorso in frode nelle pubbliche forniture in relazioni a contratti che la società Vivenda spa ha stipulato con Usl della Valle d'Aosta e Comune di Aosta per i servizi mensa nell'ospedale e in alcune scuole. Si tratta di Giorgio Federici, 61 anni di Roma, presidente di Vivenda, e Simone Frassy, 40 anni di Valgrisenche, vice direttore del centro cottura che la stessa società ha ad Arnad.

Anziché i prodotti italiani previsti dal contratto, la procura ipotizza che tra il 2017 e il novembre 2019 abbiano fornito al Comune di Aosta olio extravergine di oliva confezionato con miscele dell'Unione europea e all'Usl della Valle d'Aosta mozzarelle prodotte con latte tedesco e miele con miscele anche dell'Ungheria. Ma anche tra il giugno 2018 e il novembre 2019 bottiglie di acqua con contenuti di sodio 15 volte, e di residuo fisso otto volte, il massimo previsto dagli accordi.

Il pm Luca Ceccanti ha chiuso l'inchiesta, avviata dopo i controlli, e il successivo sequestro, operati dai carabinieri del Nas di Aosta nel novembre scorso. Le contestazioni per le forniture all'Usl tra il 2017 e il novembre 2019 riguardano anche le forniture di latte (prodotto in paesi Ue anziché in Italia) e di formaggio spalmabile (anche in questo caso la materia prima non è nazionale). Inoltre gli inquirenti sostengono che il locale adibito a mensa per il personale Usl della Valle d'Aosta prevede la possibilità di consumare solo 40 pasti in contemporanea rispetto ai 50 previsti dal contratto.

Infine i due indagati sono ritenuti responsabili di non aver costituito la scorta alimentare prevista, a cui ricorrere in emergenza, presso lo stabilimento "Maison Bertolin" e di non aver allestito un'area ludica nel reparto pediatrico dell'ospedale Parini, come invece stabilito nell'offerta tecnica.