Skip to main content

Economia e Lavoro

Fase 2 - Guide Alpine, Giglio "Il problema principale è la chiusura delle frontiere che impedisce l'arrivo dei clienti stranieri"

- 0 Comments

Le linee guida approvate dalla Conferenza delle Regioni per i rifugi di montagna, secondo Pietro Giglio, Presidente nazionale delle Guide Alpine  introducono "Accorgimenti doverosi, perché una ricaduta sarebbe fatale per le professioni della montagna, ma bisogna anche avviare una riflessione sui bivacchi non custoditi, che già in questi giorni sono frequentati e nei quali sono necessarie garanzie per evitare i contagi".

"Il nostro problema principale - aggiunge - è la chiusura delle frontiere che impedisce l'arrivo dei clienti stranieri. Stiamo 'caldeggiando' la Svizzera affinché tolga l'obbligo di preavviso di otto giorni per le guide alpine che vogliono lavorare sul versante elvetico dell'arco alpino mentre le guide svizzere non hanno quest'obbligo in Italia: se non lo faranno chiederemo la reciprocità al ministero degli esteri".