Skip to main content

Salute e Ambiente

Donato un monitor defibrillatore per il 118

- 0 Comments

Nei giorni scorsi il Soccorso sanitario 118 della Valle d’Aosta ha ricevuto in donazione un nuovo monitor defibrillatore, del valore di circa 25.000 euro, dalla famiglia di Raffaele Vitale

Si tratta di un’apparecchiatura “Zoll” che oltre alle funzioni di monitoraggio e di defibrillazione ha in dotazione un pulsossimetro per la misurazione della saturazione, uno sfigmomanometro (misuratore di pressione), può rilevare la temperatura corporea ed altri parametri vitali fondamentali (Co-ossimetria,pulsossimetria, ETco2 NIBP) – spiega il responsabile del 118, il dottor Luca Cavoretto - l’apparecchio, inoltre, ha la possibilità di trasmettere dati in wi-fi e può essere impiegato in telemedicina con trasmissione diretta dalla casa del paziente, dall’ambulanza, dal territorio al Pronto soccorso o all’unità di terapia intensiva coronarica (UTIC). Questo gesto, di vera generosità, non solo ci è di grande aiuto perché risponde alle esigenze degli interventi di emergenza più impegnativi, ma è anche un segnale importante nei confronti del nostro servizio, che soprattutto in questo periodo è particolarmente difficile e impegnativo. Alla famiglia Vitale e al caro Raffaele va tutta la nostra sincera gratitudine”.

Vi è un profondo legame con la Valle d’Aosta – dice Raffaele Vitale - e in particolare con Courmayeur. Appena ho tempo scappo dalla città, dove lavoro, per rigenerarmi in alta montagna. Ho affrontato molte salite e discese impegnative sul massiccio del Monte Bianco e non solo. Nel periodo di lockdown ero a Courmayeur e con Thomas Scalise Meynet, guida alpina, tecnico dell’elisoccorso valdostano, cinofilo e caro amico con cui ho il piacere di condividere queste meravigliose esperienze in alta montagna, ho deciso di donare, dopo vari pareri tecnici, questo monitor/defibrillatore alla sanità valdostana. L’idea era di donare non solo un apparecchio per l’emergenza Covid-19 ma uno strumento valido ed efficiente per i prossimi anni alla popolazione valdostana ed ai molti turisti che hanno la fortuna di godere di panorami e cultura stupenda.”