Skip to main content

Cronaca

Discarica Pompiod, la procura chiede delle migliorie al piano societario

- 0 Comments

Gli imputati sono Umberto Cucchetti, nato a Gattinara (Vercelli), di 42 anni, in qualità di amministratore unico e legale rappresentante di Ulisse 2007 srl, che gestisce la discarica, e Maria Antonietta Dellisanti (55), nata a Torino, come direttore tecnico. Nell'udienza del 4 febbraio la difesa aveva chiesto un termine per "arrivare a una soluzione che almeno nella prospettazione del giudice sia una messa in sicurezza" della discarica. Questa ipotesi aprirebbe le porte a una possibile oblazione, il pagamento cioè di una somma che estinguerebbe il reato, portando così al proscioglimento dei due imputati. Hanno chiesto di costituirsi parti civile Regione Valle d'Aosta, i comuni di Aymavilles e Jovencan, il Comitato discarica sicura di Pompiod, Legambiente, Valle virtuosa.

Nel giugno 2020 la procura di Aosta aveva emesso un decreto penale di condanna dei confronti dei due imputati (38.500 euro), che si erano opposti e avevano chiesto l'ammissione all'oblazione (istanza che il gip aveva respinto). Nei confronti della società gli inquirenti, nella persona di Cucchetti, avevano chiesto inoltre un decreto penale di condanna (impugnato dalla difesa) ad altri 64.500 euro.

Dall'agosto 2018 all'agosto 2019, secondo la procura, a Pompiod sono state conferite oltre 3.000 tonnellate di materiale contente sostanze come mercurio, fibre di amianto, idrocarburi pesanti, utilizzandola "di fatto, come discarica per rifiuti speciali non pericolosi in luogo di inerti". 

I consulenti della procura di Aosta hanno suggerito delle migliorie al piano di messa in sicurezza della discarica di Pompiod proposto dalla società che la gestisce, la Ulisse 2007 srl. Così il giudice monocratico Maurizio D'Abrusco ha deciso di concedere del tempo alle parti per interloquire e arrivare alla definizione di un piano condiviso, rinviando al prossimo 14 ottobre il processo su un presunto smaltimento illecito di rifiuti nella discarica nel comune di Aymavilles, sequestrata nel novembre 2019.