Skip to main content

Economia e Lavoro

Crisi sanitaria ed economica - Dominidiato "La situazione sta diventando drammatica"

- 0 Comments

Ad ottobre crollano servizi ricreativi (-73,2%), alberghi (-60%), bar e ristoranti (-38%), la variazione si attesta al -8,1% (-5,1% a settembre). Il rallentamento, seppur diffuso, ha interessato in misura più immediata e significativa la filiera del turismo, dei servizi per il tempo libero ed i trasporti con riduzioni della domanda che si avvicinerebbero a quelle registrate a marzo. Questi i dati dell'analisi congiunturale di Confcommercio valle d'Aosta diffusi questa mattina.

"La situazione sta diventando drammatica per Il riacutizzarsi della pandemia e l’avvio delle prime misure di contenimento hanno determinato per molte filiere produttive l’interruzione del lento e faticoso processo di ripresa - dice Graziano Dominidiato, Presidente di Confcommercio-Fipe VdA - le criticità maggiori continuano a interessare la domanda di quei beni come l’abbigliamento e le calzature che, seppure in modo indiretto, risentono delle minori occasioni di socialità e quindi bar e ristoranti”.

Già nel mese di settembre, in linea con l’emergere dei primi segnali di una seconda ondata della pandemia in molti paesi, sottolinea Confcommercio, il quadro congiunturale ha evidenziato i primi segnali di rallentamento. La produzione industriale ha mostrato un peggioramento congiunturale del 5,6%, al netto dei fattori stagionali, con una flessione del 5,2% su base annua. Gli occupati, pur risultando stabili in termini congiunturali, hanno mostrato, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente una riduzione dell’1,7%. Il “sentiment” delle imprese del commercio al dettaglio ha registrato nel mese di ottobre un aumento dell’1,9% congiunturale, a fronte però di una riduzione tendenziale del 9,3%.

L’analisi di Confcommercio evidenzia anche che ad ottobre sono emersi rallentamenti nelle dinamiche della domanda verso molti beni durevoli. In particolare, per le autovetture vendute a privati, che avevano mostrato un importante recupero ad agosto e settembre.

Al fine di far fronte ad una situazione, definita “drammatica” da Dominidiato, nei prossimi giorni Confcommercio VdA avvierà una campagna di sensibilizzazione a sostegno dei commercianti valdostani dal tema “Quest’anno agisci con il cuore - Lo shopping Natalizio ha bisogno di te”.

“Vogliamo ricordare quanto siano importanti i negozi di prossimità e più in generale le attività gestite dai nostri commercianti che garantiscono un servizio personalizzato e continuativo” conclude il Presidente.

Nella sostanza Confcommercio VdA invita i valdostani ad evitare acquisti sulle grandi piattaforme web invitandoli a comprare nei negozi attivi in Valle d’Aosta.

Facciamo affidamento – aggiunge Adriano Valieri sul passaparola affinché per i regali natalizi si utilizzino i buoni acquisto che possono sostenere un'attività imprenditoriale valdostana che potrebbe essere in difficoltà come librerie, enoteche, parrucchieri, ottici, estetiste, teatri, cinema, palestre, calzature, giocattoli, abbigliamento e qualunque cosa interessi o serva”.