Skip to main content

Comuni e Territorio

Courmayeur, la pigotta Unicef e un ciliegio selvatico per i nuovi nati nel 2021

- 0 Comments

Nel giorno del solstizio d’estate, martedì 21 giugno, sono state consegnate le Pigotte dell’Unicef ai nuovi nati nel 2021, nell’ambito del progetto ‘Per ogni bambino nato, un bambino salvato’. 

Quest’anno la cornice in cui si è svolta la consegna è stata del tutto nuova e affascinante: la collina dei ciliegi a Skyway. In questa occasione, infatti, i nuovi nati sono stati omaggiati dal Comune di un ciliegio selvatico, sposando in questo modo l’iniziativa ‘Adotta un ciliegio’ lanciata da Skyway Monte Bianco per ridare alla collina la sua immagine antica e naturale, e regalare a tutti lo spettacolo dei ciliegi in fiore con lo sfondo delle nevi perenni.

A ricordare il senso di questa iniziativa è stato il direttore di Skyway, Luigi Canova, che ha evidenziato come “’Adotta un ciliegio’ voglia riportare verde e ossigeno ai piedi del Monte Bianco nell’ambito del progetto #savetheglacier, per mitigare l’effetto che il riscaldamento globale ha sui ghiacciai”.

L’assessore alle politiche sociali del Comune di Courmayeur, Alessia Di Addario, e il Sindaco Roberto Rota, hanno evidenziato invece l’importanza di celebrare giornate come queste, per felicitarsi, a nome di tutta la comunità con le nuove famiglie e i nuovi nati.  “La natalità a Courmayeur è in questi ultimi anni molto bassa – ha detto Alessia Di Addario – e per far vivere comunità alpine come la nostra è importante rilanciare l’importanza di nuove nascite, per creare nuove prospettive e mantenere quel senso di identità e radicamento al territorio, patrimonio umano di fondamentale importanza”.

I cambiamenti climatici in atto, oggi sempre più tangibili, sono una delle grandi sfide che ci attendono – ha aggiunto il Sindaco Roberto Rota – basta vedere quanta acqua scende alle nostre spalle oggi dalla Dora di Veny. Iniziative come quella di oggi rappresentano piccoli gesti ma di grande importanza, piccole piante che crescono, che daranno frutto, e verso le quali riversiamo tante speranze, come per i nostri nuovi nati. Guardiamo ad un futuro che dobbiamo costruire insieme da ora.  La solidarietà è un altro tema importante e le Puette dell’Unicef ci permettono di essere vicini a bambini meno fortunati in altre parti del mondo, sostenendoli con un piccolo gesto”.

Le famiglie e i bambini sono stati, infine, accompagnati davanti ai ciliegi donati dal Comune sui quali è stato affisso il nome dei nuovi nati.