Skip to main content

Cronaca

Corruzione in appalti pubblici a Valtournenche - Sentenza attesa a giugno

- 0 Comments

La sentenza per 15 dei 18 imputati che hanno chiesto il rito abbreviato nell'udienza preliminare sul presunto giro di corruzione in appalti pubblici nel Comune di Valtournenche, risalente al periodo 2014-2018, è attesa il 21 giugno prossimo .

L'inchiesta, condotta dal pm Luca Ceccanti e dai carabinieri della Compagnia di Chatillon e Saint-Vincent, ruota attorno alla figura di Fabio Chiavazza, 51 anni di Challand-Saint-Victor, ex capo dell'ufficio tecnico di Valtournenche e finito in carcere per quasi sei mesi tra la fine del 2018 e l'inizio del 2019. L'udienza è stata rinviata dal gup Davide Paladino al prossimo 10 maggio.

Il calendario prevede poi altre date a maggio, con la requisitoria del pm e a giugno. Non hanno chiesto riti alternativi, e quindi le loro difese discuteranno l'udienza preliminare, con l'eventualità di un rinvio a giudizio o di una sentenza di non luogo a procedere, Loreno Vuillermin, 71 anni, Renza Dondeynaz, 67 anni, e il figlio Ivan Vuillermin, 47 anni, imputati in qualità di soci dell'impresa Edilvu di Challand-Saint-Victor.

Con Chiavazza hanno chiesto e ottenuto il giudizio abbreviato Federico Maquignaz, 54 anni di Valtournenche, ex presidente e ad della Cervino spa; Cristina Camaschella, 56 anni di Antey-Saint-André, dipendente del Comune di Valtournenche; gli ingegneri aostani Corrado Trasino, 57 anni, Giuseppe Zinghinì, 44 anni, e Adriano Passalenti, 46 anni di Saint-Nicolas; i professionisti Stefano Rossi, 57 anni di Piacenza, e Rosario Andrea Benincasa di Caravacio, 54 anni di Torino; Nicolò Bertini, 35 anni di Alagna Valsesia, dell'impresa Bertini Aosta srl di Issogne; gli architetti Ezio Alliod, 60 anni di Verrès, e Marco Zavattaro, 51 anni di Quart; Stefano Trussardi, 46 anni di Aosta, artigiano; Enrico Giovanni Vigna, 67 anni di Quincinetto, come amministratore unico di Ivies; Ivan Voyat, 55 anni, di Aosta, au Edilvi costruzioni; Luca Frutaz, 47 anni di Aosta, amministratore della Chenevier spa.

I 19 capi di imputazioni, frutto di un fascicolo d'indagine di circa 12 mila pagine, vanno, a vario titolo, dalla concussione alla corruzione, dall'abuso d'ufficio alla turbativa d'asta, dal falso ideologico all'abuso edilizio sino ai reati tributari. Parti offese sono l'Anas, il Comune di Valtournenche e l'impresario Enrico Goglio.