Skip to main content

Salute e Ambiente

Coronavirus - Presentato il nuovo piano di potenziamento sanitario

- 0 Comments

Sorgerà tra il centro prelievi e il corpo c dell'Ospedale Regionale un nuovo prefabbricato previsto dalla riorganizzazione sanitaria per il potenziamento della rete ospedaliera valdostana per l'emergenza legata al Covid-19. La nuova struttura, denominata corpo C1, sarà organizzata su tre livelli per una superficie complessiva di circa 1.000 metri quadrati. Nel caso di emergenza pandemica il prefabbricato può diventare una struttura ospedaliera indipendente e isolata dal resto del Parini, altrimenti potrà essere riutilizzata sia come spazio ambulatoriale sia come area a supporto dei reparti confinanti. Inoltre non interferisce con il programma di ampliamento e ristrutturazione dell'Ospedale.

"L’obiettivo del piano - ha spiegato l’Assessore alla sanità Mauro Baccega - è di rafforzare strutturalmente il Servizio sanitario regionale in ambito ospedaliero, come richiesto dal decreto-legge, per far fronte in modo adeguato alle emergenze pandemiche, come quella del Covid-19 ancora in corso, garantendo così l’incremento di attività in regime di ricovero in terapia intensiva e in aree di assistenza ad alta intensità di cure. Tutto ciò per assicurare una risposta strutturale all’eventuale aumento della domanda di assistenza in relazione alle vari fasi di gestione della situazione epidemiologica. Il Piano adottato dal Governo regionale va in tale direzione ed è il frutto di un lavoro condiviso e sinergico con l’Azienda USL della Valle d’Aosta e con tutti i professionisti sanitari che stanno gestendo l’emergenza Covid-19 nella nostra Regione".

Il piano, in considerazione della possibile recrudescenza della pandemia nel prossimo autunno-inverno, prevede anche varie azioni organizzative e procedure operative: approfondita analisi dei rischi nelle sedi ospedaliere; definizione di procedure operative comportamentali del personale, di sanificazione e pulizia delle aree, di gestione dei flussi degli operatori, utenti, manutentori, fornitori; adeguata formazione del personale; idonea dotazioni di Dpi; adeguato potenziamento dell'organico. Il tendone del pre-triage del Pronto soccorso sarà sostituito, in vista della prossima stagione invernale, da un container climatizzato. Sarà altresì potenziato il servizio di trasporto pazienti con la sostituzione di quattro ambulanze e verranno individuati volumi esterni all'ospedale in cui ricollocare una serie di ambulatori. Dal punto di vista strutturale sono anche previsti dal piano l'ammodernamento e riqualificazione del reparto di terapia intensiva esistente e la realizzazione di un reparto polifunzionale di soccorso. Saranno allestiti anche due posti letto 'isolati' adatti al bio-contenimento (oggi il reparto non ne dispone). Per la conclusione dell'intervento, così come per la realizzazione di un reparto polifunzionale di soccorso, sono stimati due anni.

"Il piano - ha precisato Angelo Pescarmona, commissario dell'Usl della Valle d'Aosta - prevede anche l'ammodernamento del reparto di terapia Intensiva, portando i posti letto da 10 a 12".

Il costo complessivo dell'operazione ammonta a 7,9 milioni di euro. La spesa stimata per la terapia intensiva è di 4.173.124 euro mentre per la terapia sub-intensiva  di 1.485.000 euro. Gli altri interventi direttamente attinenti all’ambito dell’emergenza ammontano complessivamente a 3.076.324 euro e sono quasi totalmente a carico della Regione. Il Il costo di realizzazione della nuova struttura è stimato in 4.851.000 euro di cui 2.963.238 euro a carico dello Stato e 1.887.762 euro a carico della Regione.