REDAZIONE@AOSTANEWS24.IT

Continua la magia della Fiera di Sant’Orso: quasi 90mila presenze nella prima giornata

di Martina Branco

di Martina Branco

Prosegue la festa nelle strade del centro di Aosta in occasione della 1024esima Fiera di Sant’Orso. Solo nella prima giornata di fiera, ieri, sono stati registrati oltre 88mila passaggi. 

La più grande fiera di artigianato di tradizione delle Alpi anche quest’anno non ha tradito le aspettative: la prima giornata della 1024/a Foire de Saint-Ours si è chiusa con un bilancio positivo a partire dalla grande affluenza. I visitatori – residenti e turisti provenienti da ogni dove – hanno affollato il centro del capoluogo valdostano in cerca dell’oggetto perfetto da acquistare. 

Il sistema di rilevazione dei passaggi, alle ore 18:00 di ieri, ha conteggiato un totale di 88.521 transiti in piazza Chanoux – a fronte degli 81.804 del 2018 quando la fiera si svolse sempre di martedì e mercoledì – mentre gli accessi all’Atelier des Métiers sono stati 11.863.

Protagoniste indiscusse della Millenaria sono le produzioni artigianali sapientemente lavorate dalle mani degli oltre mille artigiani-espositori. Tra gli oggetti esposti in fiera è possibile scorgere oggetti di pregio e di ogni tipo: mobili, sculture, lavorazioni in ferro battuto, giocattoli, attrezzi e oggetti per l’agricoltura, oggetti in vannerie, lavorazioni in pelle e cuoio, gli immancabili e coloratissimi fiori in legno e tanto altro ancora. 

La Fiera di Sant’Orso è anche musica, spettacolo e folklore, grazie alle animazioni che si svolgono tra le stradine affollate del centro storico di Aosta; ma è anche un’occasione per degustare vini e prodotti tipici della Valle d’Aosta presso il padiglione enogastronomico, allestito in piazza Plouves. 

Curiosità!

Avete notato il ciondolo che artigiani e visitatori indossano orgogliosamente al collo? A rappresentare la Fiera di Sant’Orso, per il 2024, è il galletto, uno dei simboli più iconici della tradizione artigianale valdostana, realizzato dalla ditta Les Amis du bois di Corrado Brunet e lo scultore Enrico Massetto

La figura del galletto si fonde in un cuore, come a rappresentare la passione e l’amore per la tradizione e per l’evento, richiamati anche dai colori della bandiera valdostana.

Il ciondolo potrà essere acquistato dai visitatori nell’Atelier des Métiers (negli stand di Enrico Massetto e di Corrado Brunet), nei loro banchi lungo il percorso della fiera (n. 743 in via Croce di città e n. 229 in via Porta Pretoria) e nella postazione del punto selfie all’Arco d’Augusto.

Per conoscere i nomi degli artigiani, il programma e gli eventi collaterali e per scoprire tutte le curiosità sulla Fiera, è possibile consultare il sito ufficiale al seguente link: https://www.lasaintours.it/. Buona Foire a tutti!

Martina Branco