Skip to main content

Politica e Istituzioni

ConsVda, Lega propone un nuovo metodo di conteggio dei pazienti Covid. Lavevaz boccia: "esercizio di stile"

- 0 Comments

Bocciata al Consiglio regionale della Valle d'Aosta, con 20 astensioni e 13 voti favorevoli, la risoluzione dei gruppi di minoranza, capeggiati dalla Lega.  La risoluzione proponeva un diverso metodo di conteggio dei pazienti Covid per quanto concerne il bollettino quotidiano dei contagi diffuso dalla Regione.

Più nello specifico il provvedimento mirava a impegnare il Presidente Erik Lavevaz a caldeggiare presso il Ministero della Salute e nella Conferenza Stato-Regioni la possibilità di non contare nel bollettino quotidiano "i ricoveri di pazienti ospedalizzati per altre patologie e poi risultati positivi" durante la degenza, oltre che - ispirandosi alla decisione della Lombardia - distinguere i ricoveri di persone "Covid positive" rispetto a quelli che hanno sviluppato una patologia "Covid dipendente".

Perentoria la risposta per Presidente della Regione Lavevaz che - seppur all'inizio del discorso - apre all'ipotesi sostenendo che "il corretto conteggio dei positivi, la distinzione tra chi è malato di Covid e chi è malato con il Covid, sono problematiche di cui si parla da molto" con altri Presidenti di Regione, dall'altra poi boccia l'iniziativa intrapresa dalla Regione Lombardia bollandola come "un esercizio di stile, una provocazione".

Secondo Lavevaz, infatti, la decisione di modificare i parametri dei conteggi "deve essere fatta a monte, a livello di ministero, altrimenti risulta inutile, perché il Governo continua ad applicare i suoi parametri". La Lega, per tramite del capogruppo Manfrin, ha sottolineato che la nuova modalità di conteggio dei ricoveri avrebbe consentito di tracciare più efficacemente il Covid e non alimentare misure restrittive eccessivamente limitanti e dannose per l'economia e la libertà dei cittadini.