REDAZIONE@AOSTANEWS24.IT

Consegnato il cappello con la penna nera a 168 militari neo-alpini

di Redazione

di Redazione

Si è svolta sul Ponte di Bassano, noto anche come “Ponte degli Alpini”, la cerimonia di consegna del cappello alpino al 1° corso volontari in ferma iniziale dell’Esercito che hanno terminato il corso MITALP (Modulo Integrato Truppe Alpine).

La cerimonia che ha coinvolto 168 militari ha suggellato il termine di un modulo addestrativo, svolto al Centro Addestramento Alpino di Aosta, durato 12 settimane. Durante il periodo di formazione i militari sono stati impegnati in diversi moduli addestrativi, tra i quali il combattimento e sopravvivenza in montagna, la topografia, l’alpinismo e sci d’alpinismo e, spiega una nota, “tutte quelle attività che permetteranno loro di vivere muovere e combattere in montagna, un ambiente che più di altri mette a dura prova i limiti fisici e mentali”

Tra i militari che hanno preso parte al percorso addestrativo di specialità vi è anche una valdostana, Aline Ollier, posizionatasi al quarto posto nella graduatoria conclusiva. 

Al termine del periodo di formazione i VFI neo alpini hanno ricevuto a Bassano del Grappa il tanto agognato cappello alpino consegnatogli dai loro predecessori dell’Associazione Nazionale Alpini, alla presenza del comandante delle truppe alpine, Generale di Corpo d’Armata Ignazio Gamba, dei comandanti e dei sottufficiali di Corpo delle Brigate Alpine e dei rispettivi Reggimenti, del Centro Addestramento Alpino oltre che del Presidente dell’Associazione Nazionale Alpini, Ing. Sebastiano Favero.

La consegna del cappello Alpino inaugura la serie di celebrazioni del 90° compleanno del Centro Addestramento Alpino, che ha fatto collimare l’evento nella tradizionale cornice di Bassano dove a Maggio, nella provincia di Vicenza, verrà svolto l’annuale raduno nazionale.