Skip to main content

Salute e Ambiente

Come comportarsi se si incontra un lupo in città, l'esperto: "non sono pericolosi ma bisogna fare attenzione"

- 0 Comments

Secondo l’esperto Riccardo Orusa, Direttore del Cermas Vda, un lupo lontano dal suo branco non è pericoloso, ma bisogna comunque essere attenti.

Se si dovesse incontrare un lupo in questi giorni, come è successo domenica sera, secondo l’esperto “non bisogna assolutamente spaventarlo, e soprattutto bisogna evitare di puntare la luce del cellulare addosso al lupo, ma avvisare subito le autorità chiamando il 1515 il corpo forestale”.

L’esemplare dunque non è pericoloso.

Il WWF ha poi scritto questo in merito all’incontro del Lupo in città

"Durante l’inverno, con le avverse condizioni meteo, animali come caprioli e cinghiali cercano le zone più temperate all’interno dei loro territori abituali in cui cercare cibo, talvolta avvicinandosi ai centri urbani. E i lupi, sulle tracce delle loro prede d’elezione, fanno lo stesso, a volte predando gli ungulati anche in prossimità dei paesi. Per quanto rimangano episodi rarissimi, può talvolta capitare di vedere nelle ore notturne una coppia di lupi passeggiare".

Nessun pericolo per l’uomo, ma è importante rispettare alcune buone norme per favorire la pacifica convivenza:

  • i lupi sono una specie opportunista, per cui in determinate situazioni possono predare anche animali domestici, come gatti o cani di piccola-media taglia. Per la sicurezza dei nostri amici a quattro zampe, è quindi importante assicurarsi che durante la notte siano ospitati in luoghi adatti (al chiuso, o in aree adeguatamente recintate).
  • è importante che i lupi non imparino a sfruttare fonti di cibo in contesti urbani, in modo tale che mantengano il loro carattere schivo e selvatico. Quindi è necessario in primo luogo non lasciare cibo a loro disposizione (né di altri animali selvatici, come le volpi), assicurandosi che il pattume non sia abbandonato lungo la strada ma posto in bidoni a prova di animali selvatici (anche di cinghiali) e nel caso di colonie feline cercare, se possibile, di fornire il cibo durante la mattina e ritirarlo la sera.
  • in caso di avvistamenti, mantenere una distanza adeguata (nel caso del lupo, circa 100 metri; per caprioli e cinghiali, circa 20) sia per la nostra sicurezza, sia per non creare disturbo agli animali. Evitare di seguirli in auto per lunghi tratti per scattare foto o video: in una stagione delicata come l’inverno, li costringeremmo a sprecare importanti energie per sopravvivere.
  • siccome la cultura dell’animale ‘nocivo’ è purtroppo ancora diffusa in molte zone d’Italia, nel caso notiate bocconi sospetti, che potrebbero rappresentare esche avvelenate pericolose sia per animali selvatici che domestici, avvertite prontamente i Carabinieri-Forestale al numero 1515 o 800253608, che provvederanno a bonificare l’area con l’aiuto dei cani antiveleno.