Skip to main content

Economia e Lavoro

Arriva anche ad Aosta il Tour del sindacato nazionale UGL, Capone: "Obiettivo nostro rilanciarci in Valle d'Aosta"

- 0 Comments

Tappa in Piazza Chanoux, ad Aosta, per il Tour nazionale del Sindacato di base UGL (Unione Generale del Lavoro) in occasione della prossima celebrazione della Festa dei Lavoratori, il Primo Maggio. Una iniziativa quella dell’UGL fortemente improntata al contatto con tutte le realtà territoriali d’Italia, per raccogliere le istanze del mondo del lavoro in momento di grande difficoltà e riportarle sui tavoli governativi.

Al centro dell’iniziativa il Segretario Generale Francesco Paolo Capone, alla quale abbiamo chiesto di raccontare qualcosa in più sull’UGL.







Come si presenterà e quali saranno le priorità per l’UGL in Valle d’Aosta?

Capone: "Per l’UGL in Valle d’Aosta si tratta di un ritorno, negli anni abbiamo già avuto delle rappresentanze significative nel mondo del lavoro valdostano, soprattutto nel settore turistico e della Casa da Gioco. Oggi alcune di queste realtà sono di fronte ad una importante crisi e noi dobbiamo dare il nostro contributo alla tutela del lavoro. L’obiettivo è innovare e presentarsi, se possibile, anche a nuove fasce di lavoratori".



Oggi esiste una ampia e articolata realtà sindacale, ognuna delle quali ha alcuni capisaldi ideali. Quali sono quelli della UGL?

Capone: "Dall’immediato dopoguerra emerse un solo Sindacato, un Sindacato unico potremmo dire. Dentro convivevano diverse anime e idee, si spaziava dalle sensibilità socialisteggianti a quelle cattoliche. Con l’avvento degli anni ‘50 queste anime iniziarono ognuna a prendere una propria strada, così nacquero per esempio l’antenato della Uil dalla ‘sinistra migliorista’ e quello della Cisl dal mondo cattolico. Anche l’antenato dell’odierna UGL nacque in quel periodo, ed i nostri riferimenti storici, se vogliamo parlare anche un po’ di cultura, arrivano dal sindacalismo rivoluzionario e patriottico di Filippo Corridoni. Il nostro obiettivo statutario è dare piena applicazione all’Art.46 della Costituzione, che sancisce la compartecipazione del lavoro alla gestione aziendale. In ogni caso, posti i riferimenti ideali, l’UGL mira ad operare nel mondo del lavoro in modo efficace e pragmatico".



Oltre al Segretario nazionale era presente anche il Segretario UGL della sezione Valle d’Aosta-Piemonte, Armando Murella. Anche a lui abbiamo chiesto un commento.



Questa iniziativa segna il rilancio dell’Ugl in Valle d’Aosta?



Murella: "Assolutamente sì, innanziutto voglio ringraziare il Sindaco Nuti che ci ha permesso la manifestazione in Piazza, dove stiamo raccogliendo le istanze dei lavoratori. Io ho fortemente voluto che il tour venisse in Valle d’Aosta, per testimoniare la nostra vicinanza alle difficoltà dei territori di montagna. Vi è purtroppo una situazione difficile specialmente per i lavoratori del turismo che non hanno ricevuto aiuti. Non è accettabile poi che in alcune realtà svizzere gli impianti hanno funzionato regolarmente mentre in Valle d’Aosta sono stati chiusi. Serve più sensibilità per una bella Regione come la Valle d’Aosta".



Alla manifestazione hanno partecipato una trentina di persone, distanziate per il rispetto delle normative anti Covid. Presente per un saluto anche il Sindaco Gianni Nuti.