Skip to main content

Comuni e Territorio

Aosta, sì allo studio di fattibilità per la pedonalizzazione dell’Arco di Augusto

- 0 Comments

La pedonalizzazione ora dovrebbe diventare definitiva: la seconda commissione Politiche del territorio e Opere pubbliche del Consiglio comunale di Aosta ha infatti approvato lo studio di fattibilità tecnico-economica per i lavori di pedonalizzazione della piazza dell'Arco d'Augusto.  

Il progetto - finanziato dalla legge regionale per Aosta capitale, con 2.200.000 euro - prevede un intervento strutturale sul "ponte nuovo" che scavalca il torrente Buthier, per consentire anche ai mezzi pesanti di svoltare a destra lungo viale Federico Chabod; un'area pedonale, con una Zona a traffico limitata e nuovi parcheggi lungo via Monte Emilius.

Le due rotonde provvisorie, in via Monte Emilius all'incrocio con corso Ivrea e con via Clavalité, sono in mano alla Stazione unica appaltante della Regione per la gara d'appalto. È il primo stralcio del progetto; la restante parte prevede degli espropri e tempi più lunghi.

All'intervento strutturale sul "ponte nuovo" sul Buthier si aggiunge la pedonalizzazione del "ponte vecchio" che sarà pavimentato in pietra, con una traccia centrale di colore diverso per evocare la strada romana tra il ponte di pietra e l'Arco. La piazza diventerà una Ztl "in cui potranno transitare i residenti e il trasporto pubblico locale", ha spiegato l'assessore comunale ai Lavori pubblici, Corrado Cometto.

Al momento non è prevista la ripavimentazione della piazza. "È di proprietà in parte comunale, in parte regionale. Dovremo condividere con la Regione la sistemazione" aggiunge Cometto. Piazza Ancien Abattoir, dietro la Cittadella dei giovani, dovrebbe invece trasformarsi in un parcheggio a pagamento all'interno della Ztl, con abbonamenti per i commercianti.

Dalla minoranza, Lega e Rinascimento Valle d'Aosta hanno chiesto più coraggio sulle scelte urbanistiche e viarie, oltre a più spazi verdi. Lo studio di fattibilità è passato con 4 "sì" della maggioranza e 2 astensioni di Togni (Lega) e Roberta Balbis (Rinascimento).