REDAZIONE@AOSTANEWS24.IT

Al via ‘CurArti’, un progetto di arteterapia al day hospital oncologico del Parini

di Redazione

di Redazione

Ad ottobre, mese della prevenzione del tumore al seno, sono diversi i progetti e le collaborazioni attivate per sensibilizzare sulla malattia e migliorare la qualità di vita delle persone in cura. 

Dal 20 ottobre ha preso ufficialmente il via un nuovo progetto di arteterapia che prende il nome di ‘CurArti’. Tenuto da Alessandra Maio, arteterapeuta APIART di Bologna che collabora da alcuni anni con Viola, si rivolge agli utenti del Day Hospital oncologico dell’Ospedale Parini di Aosta.

L’idea di proporre alcuni interventi di arteterapia durante la somministrazione delle terapie in day-hospital nasce dalla volontà di “prendersi ‘cura oltre la cura’ del paziente, nell’ottica di un’assistenza a tutto tondo, che non si occupi solo della malattia fisica” spiegano le violette.

L’intervento è strutturato in modo da promuovere la consapevolezza e il benessere del paziente, permettendogli di trasformare il tempo della terapia in un momento per sé da modulare, con l’aiuto dell’arteterapeuta, a seconda dei bisogni del momento e farlo diventare un momento di rielaborazione, di esplorazione e attivazione delle proprie risorse, di consapevolezza e attenzione verso le proprie emozioni o di rilassamento.

Alessandra Maio sarà quindi presente due volte al mese, per tre ore, dalle 9:00 alle 12:00, nelle sale del day-hospital di oncologia. A tutti i pazienti interessati a partecipare saranno proposti laboratori strutturati ad hoc per seguire le esigenze dei singoli pazienti e prevedono l’uso di molteplici materiali (riviste e cartoncini per collage, fotografie, colori di vario genere…) e di meditazioni guidate.

Con l’obiettivo di valutare la risposta da parte dei pazienti e modulare al meglio l’attività il progetto sarà articolato in un periodo di sperimentazione di 3 mesi (ottobre, novembre e dicembre) per un totale di 6 incontri.

L’Associazione Viola, sempre nell’ottica di garantire una migliore fruizione delle cure dei pazienti del Day hospital ha donato alla struttura un erogatore di acqua a boccione a disposizione dei pazienti e del personale.

Durante il mese di ottobre sono state, infine, attivate due nuove collaborazioni per il benessere delle donne che devono affrontare la caduta dei capelli durante la chemioterapia.

La prima è una convenzione con il negozio di parrucchiera Mara Parrucche che fornirà a VIOLA, tipologie di parrucche più moderne con l’obiettivo di ampliare la scelta e dando anche la possibilità, nel caso in cui non si trovi presso la sede di VIOLA la parrucca desiderata, di andare direttamente nel suo negozio.

Finalizzata infine anche una collaborazione con Vivay, azienda specializzata nella realizzazione di tricoprotesi artigianali su misura con capelli vergini naturali non decuticolati. Il prodotto fornito è una soluzione ideale sia per chi deve affrontare una cura di chemioterapia sia per chi coesiste con qualsiasi forma di alopecia: le protesi possono essere indossate in modo permanente, così da poter fare anche bagno e doccia senza dover togliere la parrucca e senza vedersi senza capelli.

L’azienda Vivay opererà direttamente all’interno della sede di Viola, in ambienti dedicati nel pieno rispetto della privacy fornendo consulenze per l’applicazione della tricoprotesi e offrendo integrazioni e controlli.

L’Associazione Viola ricorda che la Regione Valle d’Aosta, tramite l’Azienda USL, mette a disposizione dei fondi – un rimborso fino a 600 euro – per l’acquisto di parrucche o tricoprotesi a coloro che presentano un’alopecia causata da chemio e terapie farmacologiche. E’ possibile reperire il modulo per il rimborso sul sito dell’Azienda Usl https://www.ausl.vda.it/datapage.asp?id=624&l=1.