Skip to main content

Cultura e Spettacoli

Abbonamento Musei - Cresce l'offerta con quindici nuovi siti valdostani

- 0 Comments

Continua a crescere Abbonamento Musei, a partire dal 1° agosto altri nuovi quindici siti entrano a far parte del museo più grande d’Italia, con l’ingresso all’interno del circuito di alcuni tra i luoghi di interesse più significativi della Valle d’Aosta.

"La decisione di inserire questi nuovi siti entro agosto – commenta Simona Ricci, direttore dell’Associazione Abbonamento Musei – è frutto della volontà di sostenere e incoraggiare il turismo nostrano, in particolare quello di prossimità, quest’estate più che mai".

Si aggiungono, tra gli altri, il Castello di Introd, il Giardino Botanico Alpino Paradisia, la struttura espositiva Alpinart di Cogne, il MAV – Museo dell’Artigianato Valdostano di Tradizione, per gli oltre 160.000 abbonati.

"Essere entrati nel circuito di Abbonamento Musei ha indubbiamente offerto alla Valle d’Aosta un ulteriore importante strumento di promozione e visibilità del proprio patrimonio culturale – osserva Cristina De La Pierre, Soprintendente per i beni e le attività culturali della Regione – potervi aggiungere ulteriori 15 siti rappresenta un motivo di grande soddisfazione e un forte stimolo a migliorare e valorizzare la nostra offerta turistico-culturale".

Con questi nuovi 15 siti sale a 435 il numero complessivo di opzioni per l'abbonato.

Nello specifico, sono i seguenti i luoghi dove gli abbonati potranno accedere gratuitamente a partire da agosto: Châtel-Argent di Villeneuve, Cripta di Saint-Léger a Aymavilles, Giardino Botanico Alpino Paradisia di Cogne, Castello di Introd, Centro Espositivo Alpinart – La Miniera di Cogne, Centri visitatori del Parco Nazionale Gran Paradiso di Cogne, di Rhêmes-Notre-Dame e di Valsavarenche, MAV – Museo dell’Artigianato Valdostano di tradizione di Fénis, MAIN – Maison de l’Artisanat International di Gignod, Miniere di Saint-Marcel, Maison Musée Berton di La Thuile, Miniere d’oro di Brusson, Maison Bruil di Introd e Museo del Tesoro della Cattedrale di Aosta.

La Valle d’Aosta è la terza regione, dopo la Lombardia nel 2015, a essere entrata a far parte di Abbonamento Musei, a cui si è unita lo scorso settembre. Nel giro di poco meno di un anno sono stati 665 i nuovi abbonati in Valle d’Aosta e sono stati inoltre registrati 27.200 ingressi nei siti della regione.

Soddisfazione è stata espressa anche dal Presidente della Regione Renzo Testolin in merito allo sviluppo del progetto che, anche a seguito di momenti informativi organizzati dall’Assessorato competente, vede oggi un numero importante di nuovi siti entrare a far parte dell’offerta proposta da Abbonamento Musei in Valle d’Aosta. La certezza è che tale implementazione “di siti” all’interno del circuito valdostano renderà ancora più accattivante, attrattiva e ricca di peculiarità l’offerta turistico-culturale della nostra Regione.