REDAZIONE@AOSTANEWS24.IT

A5, soluzioni temporanee dalla Prefettura di Torino. Testolin: “è un passo avanti”

di Redazione

di Redazione

Si è tenuta ieri, 6 febbraio, presso la Prefettura di Torino, la nuova riunione che ha messo intorno ad un tavolo Ativa e Mit, dopo lo scontro acuitosi dopo le code chilometriche avvenute domenica scorsa. Alla fine, l’incontro – seppur non risolutivo – ha aperto a delle soluzioni temporanee che dovrebbero aiutare a non costituire dei tappi alla viabilità. In particolare, verranno aperti i varchi dai jersey allo svincolo di Pavone, verrà spostato il filtraggio dei mezzi pesanti ad Albiano e aperto a due corsie il viadotto sul torrente Chiusella.

Alla riunione hanno presenziato in videoconferenza anche il Presidente della Regione Valle d’Aosta Renzo Testolin e il capo regionale della Protezione civile e Vigili del fuoco della, Valerio Segor.

Il commento del Presidente Testolin

“Ringraziamo la Prefettura di Torino per averci ospitato al Cov, congiuntamente con i rappresentanti della Regione Piemonte, e ringrazio anche tutti i soggetti tecnici coinvolti per la disponibilità dimostrata riguardo alle nostre istanze – dice Testolin. Abbiamo preso atto con piacere delle dichiarazioni dei dirigenti del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti che, anche a seguito delle nostre rimostranze e delle preoccupazioni espresse dagli operatori economici valdostani, hanno oggi manifestato attenzione nei confronti delle esigenze emerse dai territori. DaI confronto che si è sviluppato sono scaturite alcune soluzioni tecniche riguardanti la viabilità sul viadotto Chiusella, con lo spostamento del filtraggio dei mezzi pesanti dallo svincolo di Pavone all’uscita di Albiano, agevolando così oltre all’ingresso in svincolo su due corsie anche la viabilità sulla A5 verso Torino che avrebbe a disposizione un’ulteriore corsia di marcia”.

“Benché non totalmente risolutive – ha concluso il Presidente -, le misure individuate dovrebbero ridurre le problematiche anche per la viabilità non autostradale e costituiscono comunque un passo in avanti nel rendere più fluido il traffico in uscita dalla Valle d’Aosta durante i fine settimana e in concomitanza con i prossimi festeggiamenti del Carnevale”.