Tu sei qui

Valtournenche - Sabato 4 agosto torna il Cervino CineMountain

Data: 0 Comments

Dal 4 al 12 agosto si rinnova in Valtourneche l’appuntamento con il Cervino CineMountain, la rassegna internazionale di film di montagna più alta d’Europa, giunta quest’anno alla sua XXI edizione.

Per nove giorni il comune posto sotto la Gran Becca si trasformerà in un palcoscenico, trasportandoci nei territori dell’avventura e dell’immaginazione.

Il programma del Cervino CineMountain è stato illustrato nel dettaglio dai Direttori artistici, Luisa Montrosset e Luca Bich, e dal responsabile della selezione e programmazione, Gian Luca Rossi.

Sono 253 i film iscritti per la selezione di quest'anno, provenienti da 49 Paesi di tutto il mondo; 64 i film selezionati, di cui 14 nella sezione Grand Prix des Festival-Conseil de la Vallée, 21 nella sezione Concorso Internazionale, 23 nella sezione Cinemountain Kids (cortometraggi di animazione per bambini), 6 proiezioni fuori concorso, 11 film italiani, 29 anteprime (25 Italiane, 3 Internazionali, 1 Mondiale), oltre 40 ore di film proiettati in 7 giornate.

Protagoniste le storie, le avventure, e le emozioni a tutto tondo con le pellicole in lizza nelle varie categorie e i grandi ospiti tra i quali Claudio Chiappucci e Ivan Basso, Giovanni Soldini e Hervé Barmasse, Manolo e Kurt Diemberger, le straordinarie fatiche del Tor des Géants, una serata dedicata al coraggio, alla forza e alla tenacia delle donne e un emozionante ricordo di Ermanno Olmi.

Il festival è stato presentato oggi dagli organizzatori e dai partner istituzionali - Consiglio Valle, Assessorato del turismo della Regione, Comune di Valtournenche, Fondazione CRT.

«Il Consiglio Valle - ha detto il Presidente Antonio Fosson - sostiene sin dagli esordi il Cervino Cinemountain perché è un festival che delinea un ritratto della montagna realizzandone un mosaico completo di tutte le sue molteplici tessere. Con l'assegnazione del "Grand Prix des Festivals-Conseil de la Vallée", per l'Ufficio di Presidenza significa ribadire quanto la montagna sia parte integrante della carta d'identità della Valle d'Aosta.»

«In una regione definita delle “Terre Alte” - ha aggiunto l'Assessore al turismo, Claudio Restano -, in cui prevale la verticalità, non poteva mancare un festival cinematografico che elogiasse la montagna e dedicasse dei film sulla vita alpina e i suoi protagonisti, aumentando così la sensibilità verso questo mondo. È uno dei modi di fare turismo, capace di veicolare l’immagine di montagna in tutta la sua bellezza, la sua cultura, le sue tradizioni, la sua storia.»

Il Sindaco e il Vicesindaco di Valtournenche, Jean-Antoine Maquignaz e Nicole Maquignaz, hanno ribadito «l'importanza di questa iniziativa dalla forte valenza culturale per il turismo estivo di Breuil-Cervinia e Valtournenche. Per noi è fondamentale far conoscere la montagna sotto tutti i suoi aspetti, proprio come riesce a farlo il Cervino CineMountain attraverso i film che propone, alcuni dei quali sono delle anteprime assolute.»

«La Fondazione CRT contribuisce da oltre 5 anni alla realizzazione del festival, uno degli eventi centrali della programmazione culturale estiva della Valle d’Aosta - ha affermato il Consigliere di Amministrazione Ugo Curtaz –. Il Festival, dove montagna e uomo sono protagonisti e legati in un rapporto inscindibile, è un’occasione di valorizzazione e tutela del prezioso patrimonio ‘ad alta quota’, oltre che un volano per la crescita economica e turistica locale.»