Skip to main content

Cultura e Spettacoli

Tra teatro e pittura per raccontare in modo inedito la montagna

- 0 Comments

E' uno spettacolo che abbina teatro e pittura, la manifestazione di sabato 28 settembre 2019, alle ore 16.30, a Châtillon, al Castello Gamba, con il fine dichiarato di declinare un tema particolarmente caro: la montagna. Il titolo è suggestivo: "Più in alto dell'aquila", la montagna tra teatro e pittura.

L'inizio è dedicato alla pittura con una visita guidata alla mostra "Altissimi colori. La montagna dipinta: Testori e i suoi artisti, da Courbet a Guttuso". Si tratta della collezione privata di Giovanni Testori che fu tra i più importanti intellettuali italiani del Novecento. Impegnato su diversi fronti, dalla critica d’arte al teatro, dalla narrativa alla pittura, romanziere e drammaturgo, nonché critico d’arte, in montagna aveva riscoperto la sua vocazione pittorica eleggendone gli scenari a soggetto di molti suoi dipinti. Per la prima volta questo nucleo molto privato, che Giovanni Testori ha voluto tenere per sé e per la sua famiglia, viene presentato al pubblico.

Al termine della vista guidata si assisterà alla performance di e con Davide Giandrini "Più in alto dell'aquila" che, attraverso letture recitate e proiezioni video, descrive la fatica, il coraggio e il dolore affrontati durante un'arrampicata in una cronaca poetica che alterna profondità e leggerezza.

Autore, poeta e regista teatrale, Davide Giandrini è tra i più riconosciuti interpreti di teatro-canzone. Dopo il diploma conseguito alla Scuola di Piero Mazzarella, attraverso lo studio del canto, della chitarra e il rapporto privilegiato avuto con Giorgio Gaber nel corso degli anni novanta ha guadagnato notorietà e ha partecipato a numerosi Festival teatrali e trasmissioni televisive. Ha scritto spettacoli, tra gli altri, con Luca Doninelli, Filippo Fiocchi, Davide Rondoni. Ha diffuso il suo teatro-canzone su numerosi palcoscenici da Cagliari a Bolzano; dal 2001 replica una settantina di spettacoli all'anno in giro per l'Italia, compresa Aosta.

Gli organizzatori, Consiglio Valle in collaborazione con l'Assessorato regionale del turismo, sport, commercio, agricoltura e beni culturali, comunicano che l'ingresso è gratuito fino ad esaurimento posti e che la prenotazione al numero 0165.526133 è obbligatoria.