Skip to main content

Territorio ed Eventi

'Se mi ami mi Proteggi' due incontri sul randagismo

- 0 Comments

L’Amministrazione regionale, l’Azienda USL, il CELVA e l’Ordine dei Medici Veterinari, proporranno due momenti di incontro relativi alle modalità di prevenzione del randagismo e protezione degli animali da affezione sul territorio valdostano. Il primo mercoledì 4 settembre, ad Aosta, presso la sede del CELVA – Piazza Narbonne alle 14.00, il secondo giovedì 5 settembre, ore 14 a Verrès presso la sede della Unité des Communes Valdôtaines Evançon.

Tema degli incontri, la campagna di sterilizzazione dei gatti liberi delle colonie feline, denominata 'Se mi ami proteggimi': saranno illustrati i contenuti della Convenzione, la normativa e le modalità operative della campagna e sarà presentato il manuale del referente di colonia.

Agli incontri, aperti al pubblico, è prevista la presenza dei referenti delle colonie feline, del personale del servizio associato di Polizia locale dei Comuni, di Medici Veterinari dell’Azienda USL, dell’Ordine dei Medici Veterinari, dei referenti del CELVA, e dell’Assessorato alla Sanità, Salute e Politiche sociali.

La Convenzione, che ha la finalità di prevenire l’insorgenza di problematiche di igiene e sanità pubblica e risolvere eventuali situazioni critiche di convivenza uomo-animale, sull’intero territorio valdostano, prevede una spesa di 80 mila euro annui (risorse regionali) destinati, oltre alla campagna di sterilizzazione in corso dei gatti di colonia su tutto il territorio regionale, anche alla loro cura, non prevista nel triennio precedente e inserita in un quadro più completo di sanità pubblica, e all’attuazione di un piano di comunicazione e sensibilizzazione della popolazione sulle tematiche del randagismo, per una spesa massima annua di 2 mila 500 euro.

Per dare attuazione alla normativa vigente, la convenzione rappresenta lo strumento per favorire la collaborazione tra i Comuni, l’Azienda USL, l’Ordine dei medici veterinari e l’Assessorato della Sanità, Salute e Politiche sociali, sulla base di una ripartizione delle funzioni per il controllo del randagismo e protezione degli animali da affezione sul territorio regionale. A tale scopo, all’interno della convenzione, sono stati precisati i vari ruoli: